Bolzano, Ospedale: telefonate solo in lingua tedesca e per errore saltano le prenotazioni delle visite, Urzì interroga

photocredit: www.alessandrourzì.it

Il caso: diversi cittadini dell’Alto Adige di lingua italiana ci segnalano di essere stati contattati dall’Asl attraverso una voce robotizzata CHE PARLA SOLO TEDESCO per chiedere la conferma della prenotazione della visita presso una delle strutture sanitarie del territorio.

La voce, appena il paziente (di nome e di fatto) risponde, parla sempre e solo in lingua tedesca. Non vi è inclusa nessuna possibilità di scelta della lingua.

Cosa accade? Viene richiesto (dopo avere confermato di essere la persona interessata o un delegato) di confermare la visita o annullarla digitando sulla tastiera del telefono.

Ma se il cittadino destinatario della comunicazione, non comprendendo nulla, digita per errore o involontariamente i tasti sbagliati la visita viene annullata, magari dopo mesi di attesa. E quando si presenterà all’appuntamento non la troverà più nel programma del medico e dovrà attendere di nuovo mesi per fissarne una nuova.

Tutto per una incomprensibile segreteria telefonica robotizzata che fa uscire messaggi non nella lingua del paziente e senza dargli la possibilità di scelta.

OVVIAMENTE DISPONIAMO DELLA TELEFONATA INTEGRALE A DISPOSIZIONE COME RACCOLTA DA UN CITTADINO. QUI IL VIDEO

TELEFONATA

“Si auspica ovviamente che si sia trattato un errore di impostazione del sistema. Ma la voce anche nell’espressione del nome del paziente di lingua italiana (che sarà oscurato) usa una chiara inflessione tedesca, quasi germanica” ha detto il Consigliere. “Sarà presentata una interrogazione urgente per avere conto del disservizio e per valutare il numero di errori in cui possano essere incorsi i pazienti di lingua italiana senza conoscenze della lingua tedesca e le modalità per ripararvi.”

E’ quanto in una nota alla stampa di Alessandro Urzì – Consigliere regionale e provinciale Fratelli d’Italia L’Alto Adige nel cuore.