Israele al voto: Likud in testa e seggi allestiti nella quarantena

Il conteggio è finito ma mancano ancora i 3 seggi per la maggioranza. Ma la coalizione ha già fatto alcune dichiarazioni.

Israeli Prime Minister Benjamin Netanyahu smiles after first exit poll results for the Israeli elections at his party's headquarters in Tel Aviv, Israel, Monday, Feb. 2, 2020. (AP Photo/Ariel Schalit)

Una vittoria che si preannuncia lentamente ed inaspettata quella che ha spuntato il Likud di Benjamin Netanyahu che era in battaglia elettorale per la terza volta in pochi mesi contro la formazione centrista Blu e Bianco di Benny Gantz. La volta scorsa non era stato possibile formare il governo perché non esisteva una maggioranza, questa volta la vittoriaè più netta ma non basta, sono solo 58 su 61 quelli già vinti ed assegnati.

Questa volta al voto c’era anche la novità dei seggi elettorali per le persone in quarantena: si tratta di 5.600 persone in autoisolamento.

Seggio per quarantena.

Se il Likud di Benyamin Netanyahu torna ad essere il primo partito in Israele con 36 seggi viene capovolta la situazione rispetto a come era stata prospettata fino a sabato scorso.

Il voto suona come un referendum pro o contro il leader che in primavera dovrebbe affrontare un processo per corruzione, la via maestra dei leader di partito internazionali, ormai un processo per corruzione è un lavaggio dei panni sporchi e Netanyahu ha il popolo dalla sua parte, è evidente.

Le statistiche di The Times of Israel QUI LA TESTATA

Una vittoria assoluta, ha detto, contro chi sosteneva che l’era Netanyahu fosse finita“.