Stefania Segnana (Salute): un’argomentazione matura e molto seria

Sono in corso valutazioni sui tirocinanti in medicina, che potrebbero aiutare in caso di carenza di personale in quarantena.

pronto soccorso
pronto soccorso

In queste ore ci sono degli sviluppi concreti: la situazione è quella che si legge a mezzo stampa e a mezzo fonti ufficiali. E’ stata cosa molto gradita la SCELTA dell’Assessorato alla Salute del Trentino di mantenere un livello alto di trasparenza. Cambia il sistema dei tamponi e delle analisi che servono per distinguere le polmoniti batteriche da quelle virali.

L’assessora ha riferito che l’Azienda sanitaria ha dato disposizioni di effettuare i tamponi a tutti i casi di polmonite, non solo a quella interstiziale, aumentando così il perimetro delle azioni preventive.

STEFANIA SEGNANA ASSESSORE PROVINCIALE TRENTO 2 GENNAIO 2018 FOTO PAOLO PEDROTTI

I pazienti per i quali gli esami hanno confermato la presenza di polmonite – ha spiegato – in attesa del referto del tampone, vengono ospitati in una zona isolata. Questo anche per garantire il massimo della sicurezza anche rispetto all’organizzazione, ai medici e al personale ospedaliero.”

 “Quando il tampone è negativo, come già successo in due casi ieri, si procede al normale ricovero per polmonite. Vogliamo continuare a comunicare con tutta la trasparenza possibile anche per far sentire la comunità partecipe alla situazione del Coronavirus che finora, in Trentino, è sotto controllo”