Trento. I Carabinieri chiudono supermarket della droga. 2 arrestati

Una operazione di successo contro il nascotraffico in città.

Nel pomeriggio di ieri i Carabinieri del Reparto Operativo e della Compagnia di Trento hanno arrestato due tunisini per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Un 36enne e 49enne, entrambi pregiudicati per reati specifici.

La droga è stata trovata all’interno di un appartamento di via Conci da dove erano giunte segnalazioni di un sospetto via vai di persone.

É scattato dunque il blitz: i due magrebini sono stati sorpresi da militari mentre uscivano dall’abitazione con addosso occultati 50 grammi di hashish e 2 di eroina, il primo, e 1.000 euro in contanti il secondo. Ciò conseguenzialmente, ha portato i carabinieri a perquisire l’abitazione, i quali trovavano occultati fra i vestiti all’interno di un armadio ulteriori 900 grammi di hashish, suddivisi in panetti da cento, 480 grammi di eroina, un bilancino di precisione e altri 7.700 euro in contanti, suddivisi principalmente in banconote da 50 e 100 euro, ritenuti provento della florida attività di spaccio.

La droga e il denaro sono stati sequestrati mentre i due arrestati sono stati associati presso il carcere di Trento a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Sul mercato dello spaccio nel capoluogo tridentino è stata scongiurata l’immissione di circa 17.000 dosi di droga (15982 hashish – 917 eroina), per un valore complessivo al dettaglio di circa 30.000 euro.

L’operazione di servizio nasce dall’intensificazione dei servizi preventivi e repressivi in materia di stupefacenti, disposti e coordinanti dal Comando Provinciale di Trento, ritenendo fondamentale la prossimità e gli incontri (formali e informali) con i cittadini, essendo imprescindibili per poter offrire servizi efficaci di tutela della sicurezza pubblica.