Notizie incoraggianti dalla Cina. A Wuhan dimesso l’ultimo paziente. Anche in Trentino si guarda alla Cina

Se in Europa l’emergenza coronavirus sembra ancora ben lontana dall’essere debellata, in Cina, primo focolaio dell’epidemia, il Presidente Xi Jinping ha annunciato come l’ospedale di Wuhan abbia dimesso l’ultimo paziente affetto e come il coronavirus sia sceso sotto quota 20 con nessun nuovo caso segnalato.

Alla notizia è stato corredato un video, divenuto immediatamente virale, che mostra i festeggiamenti degli operatori sanitari https://twitter.com/PediatriaOggi/status/1237672365380829185.

Se in Cina, dopo settimane di grande paura, si possono lasciare andare ad un cauto ottimismo così ancora non si può dire per l’Italia, dove il virus Covid-19 continua non solo a spaventare ma ad essere un grave pericolo per la popolazione.

La situazione trentina

Le notizie che arrivano dalla Cina non posso che far ben sperare anche all’interno della Provincia Autonoma di Trento dove grazie al sapiente lavoro di Giunta e autorità sanitarie l’epidemia sembra essere, momentaneamente, sotto controllo.

In Trentino infatti ad ora i numeri sono incoraggianti con, a fronte di 52 casi totali, solamente 3 ricoveri in terapia intensiva e 2 persone già dimesse in attesa di conferma ISS. La tempestività con cui le autorità si sono mosse ha fatto sì che sul territorio provinciale l’epidemia si sia limitata a una cinquantina di casi con, attualmente, 19 ricoveri con sintomi e 28 in isolamento domiciliare (oltre ai già citati 3 casi in terapia intensiva).

(Fonte:http://opendatadpc.maps.arcgis.com/apps/opsdashboard/index.html#/b0c68bce2cce478eaac82fe38d4138b1)

L’Italia non si deve far abbattere e non deve perdere la speranza

I dati che quotidianamente arrivano dalla Cina, primo paese a registrare casi di questa nuova epidemia, devono far ben sperare soprattutto considerato il fatto che una volta attuate misure di contenimento drastiche, la situazione sia rapidamente migliorata.

Anche a Codogno, uno dei primi paesi in Italia ad essere oggetto delle misure di “zona rossa”, la situazione è migliorata con il paese lombardo che ieri, per la prima volta dall’inizio dell’epidemia, ha registrato quota “contagi zero”.

Pur senza sottovalutare il coronavirus è importante non lasciarsi abbattere e, prendendo ad esempio l’operato cinese, rispettare le misure di contenimento per debellare, quanto prima, questa drammatica epidemia.

1 commento

Comments are closed.