“Il Coronavirus? Per gli italiani una scusa per una lunga siesta”

Ancora soggetti che negano la realtà sul Coronavirus, solo che questa volta accusano gli italiani di aver creato la malattia solo per giustificare le loro sieste. Il dottor Christian Jessen, medico e conduttore del programma inglese “Malattie imbarazzanti”, quest’oggi ha rilasciato un’intervista sconcertante ai microfoni di Fubar Radio parlando del Coronavirus. Il sedicente medico ha affermato infatti, che gli italiani stanno usando l’epidemia come scusa per avere una “lunga siesta”. Un qualcosa di inaccettabile e irrispettoso anche per gli oltre mille morti, oltre che naturalmente per i 60 milioni di cittadini del nostro paese che hanno dovuto radicalmente cambiare le loro abitudini:

Questo potrebbe sembrare un po razzista e dovrete scusarmi,  ma non pensate che il Coronavirus sia un po’ una scusa? Gli italiani usano  delle scuse per chiudere tutto e smettere di lavorare di lavorare per un po’, per avere una lunga siesta. ”

Parole vergognose quasi come quelle del premier Boris Johnson, che non solo non ha chiuso le scuole ma ha implicitamente dichiarato che i cittadini britannici devono abituarsi all’idea di perdere i loro cari. Quando gli è stato chiesto se fosse d’accordo con le decisioni del suo premier Christian Jessen si è detto favorevole con la mancanza di provvedimenti:

“Sono davvero d’accordo con lui. Penso che sia un’epidemia vissuta più nella stampa che nella realtà. Voglio dire, se pensi all’influenza stagionale, uccide migliaia di persone ogni anno quindi non c’è bisogno di diventare troppo pesanti”.

Staremo a vedere se arriveranno risposte da parte dell’OMS o delle istituzioni italiane davanti a queste dichiarazioni sul Coronavirus da parte del medico inglese.

1 commento

Comments are closed.