Coronavirus, ultimo bollettino: 21.157 contagiati, 1.441 morti e 1.966 guariti. Tampone anche per Trump

epa07833470 US President Donald J. Trump takes the stage to deliver remarks at the 2019 National Historically Black Colleges and Universities Week Conference, in Washington, DC, USA, 10 September 2019. EPA/KEVIN DIETSCH / POOL

L’ultimo bollettino, come prevedibile, non lascia intravedere ancora nulla di buono, seppur leggeri cali isolati nelle prime zone rosse, segno che l’unico modo per arrestare questo contagio è l’isolamento: 21.157 contagiati in Italia, 1.441 morti e 1.966 guariti. I casi totali dunque sono +3.496 rispetto a ieri, con +175 decessi rispetto a ieri e +527 guariti, una notizia positiva che fa ben sperare.

In linea con i dati ipotizzati per il picco previsto

I dati, in costante aumento come previsto dai dati ipotizzati che dovrebbero vedere un picco tra il 15-18 marzo (con picchi di 4500 nuovi contagi al giorno) sembrano essere rispettati. Solo oggi +3.496, ma anche tanti guariti e una leggera flessione in alcune zone (al di sotto della crescita esponenziale prevista). L’invito, dunque, rimane lo stesso: restate a casa. Solo così si può fermare.

Questi dati infatti, si riferiscono per lo più alle generazioni precedenti di virus che, giorno dopo giorno, manifestano sintomi nei pazienti quando ancora non erano state adottate misure stringenti di contrasto al virus. Fra una decina giorni dovremmo vedere i primi risultati delle misure adottate solo pochi giorni fa.

Borrelli sulla carenza di mascherine e materiale sanitario: “produciamole noi”

“Non abbiamo attualmente una produzione nazionale di mascherine e dpi,perché in passato-ha detto Borrelli- è stata considerata di basso margine per gli operatori economici. Del resto è compito del commissario Arcuri quello di razionalizzare e individuare strutture che possano essere riconvertite per la produzione,è un’ipotesi in valutazione”.

Tampone per il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump

L’epidemia di coronavirus non risparmia nessuno, nemmeno il Presidente Donald Trump, l’uomo più potente del mondo. Dopo la notizia, battuta solamente poche ore fa, della prima vittima di coronavirus a New York, sono arrivate altre notizie che riguardano direttamente il Presidente Donald Trump. Durante il bollettino giornaliero statunitense sul coronavirus, Donald Trump è intervenuto, a sorpesa, annunciando alla nazione di aver fatto il test per il coronavirus e di essere in attesa che arrivino i risultati.

Dopo aver dato al suo popolo la shoccante notizia, il Presidente degli Stati Uniti, elogiando poi l’operato del governo statunitense nelle opere di contenimento e prevenzione dell’epidemia, ha sottolineato come negli U.S.A. il coronavirus abbia causato “solamente” 50 morti. “Ci prepariamo al peggior scenario dell’epidemia del nuovo coronavirus”, ha rilanciato. Concludendo il suo intervento il Tycoon ha annunciato come le vigenti restrizioni su viaggi e voli dall’Europa verso gli Stati Uniti sara’ estesa anche a Regno Unito e Irlanda, salvo poi twittare quanto gli Stati Uniti “amino l’Italia”.