GDF sventa esportazione illegale di respiratori. Saranno messi a disposizione degli ospedali

In un momento tanto delicato quanto drammatico come quello che sta vivendo l’Italia nelle ultime settimane, stupisce come vi sia ancora gente che cerca di lucrare sulle disgrazie altrui anteponendo meri tornaconti economici alle esigenze della collettività.

E’ il caso di quanto accaduto ad Ancona dove la Guardia di Finanza ha bloccato e sequestrato un camion che era in coda per imbarcarsi su un traghetto verso la Grecia. L’autoarticolato, che aveva superato tutti i controlli preliminari, era pieno “dispositivi per la ventilazione meccanica di pazienti con gravi patologie respiratorie”, prodotti che, ad oggi, sono necessari alle autorità sanitarie italiane per combattere il coronavirus.

La Guardia di Finanza, una volta perquisito l’autoarticolato, ha trovato quasi 2000 respiratori, (che ora verranno messi a disposizione della Protezione Civile) che una società italiana stava tentando di esportare illegalmente in Grecia. Fortunatamente le autorità sono riuscite a fermare in tempo il carico ed evitare che prodotti necessari per l’Italia potessero finire all’estero.

Per il rappresentante legale della società in questione è immediatamente scattata la denuncia per violazione dell’ordinanza della Protezione Civile che vieta l’esportazione di dispositivi medici ritenuti fondamentali per il contrasto dell’emergenza coronavirus a paesi stranieri.

(Fonte: ANSA)