Multe fino a 4000 euro e restrizioni “sino al 31 luglio”. Queste le idee del Governo per fermare il coronavirus

AGGIORNAMENTO: un prolungamento che il Premier Conte, nella conferenza stampa delle 18 e 20, ha smentito categoricamente. "La data del 31 luglio non è la data delle attuali misure restrittive, ha fatto sapere, ma è la data della fascia temporale entro cui è prevista ed allargata l'emergenza ed il periodo di emergenza. Contiamo di rimuoverla prima del 31 luglio".

Conte
Conte

In questi minuti il Governo è al lavoro per discutere e valutare il varo del nuovo decreto legge per gestire e contenere, al meglio, i contagi di covid-19. Il Consiglio dei Ministri iniziato alle ore 14, secondo le indiscrezioni, dovrebbe infatti prolungare le misure sino ad ora attuate.

Come riportato da “Open” e da “Il Sole 24 Ore“, il Governo stanti i dati pervenuti sino ad ora, starebbe valutando l’ipotesi di prolungare le restrizioni, con scadenza mensile, sino alla data del prossimo 31 luglio. Inoltre, in entrata, vi sarebbe anche una modifica delle sanzioni per chi viola le norme con nuove multe fino ad un massimo di 4000 euro.

Sebbene, ad ora, non vi sia alcuna certezza su queste nuove misure, con il Governo che quasi sicuramente apporterà delle modifiche alla bozza sino a qui circolata, sembra proprio che l’intenzione governativa sia quella di usare massima prudenza.

Predisponendo blocchi a scadenza mensile, le autorità si riserverebbero l’opzione di poter intervenire (inasprendo o ingentilendo) le misure restrittive a seconda dell’andamento dell’espansione della pandemia.

Sicuramente chi sperava che si potesse arrivare ad una rapida soluzione del problema, rimarrà deluso. Purtroppo il coronavirus e la pandemia che ha generato obbligano le autorità ad agire con cautela e a non poter fare progetti sul breve termine.

1 commento

Comments are closed.