Stop della circolazione e calo del traffico autostradale dell’80%. “Benetton chiede aiuto allo Stato”

“Le autostrade – si legge in una lettera del presidente dell’Aiscat, associazione di settore, e ‘uomo di fiducia dei Benetton’ in cui si mette in guardia sulle ripercussioni negative legate alla mancanza di spostamenti imposte dalle norme del “Cura Italia”, come riportato da Il Fatto quotidiano e rilanciato da Il Giornale – stanno assistendo ad un crollo del traffico veicolare senza precedenti nella storia” che viene stimato in “circa l’ 80% sull’intera rete”. La richiesta al ministro dei trasporti è chiara: un aiuto economico.

“L’allarme – si legge – nasce dall’impossibilità, o quasi, di sopravvivenza da parte dei concessionari presenti lungo tutta la rete autostradale le cui entrate sono minime se non praticamente azzerate, con tutte le ripercussioni del caso sui costi di gestione per mantenere in vita le intrastutture. Palenzona avvisa sul fatto che “è a rischio la sopravvivenza stessa di molti operatori” se l’emergenza durasse oltre il mese di marzo”.

“I concessionari – si chiede nella lettera – siano esclusi dalle misure del decreto ‘Cura Italia’” chiedendo una misura che sospenda “qualsiasi imposta, tassa o debito a favore delle amministrazioni dello Stato o di enti o società a prevalente capitale pubblico”, al fine di garantire il servizio, anche nelle giuste condizioni di sicurezza.