Giornata di lutti e di speranze di guarigione: il coronavirus si combatte su tutti i fronti

Ancora una giornata triste per i decessi da coronavirus in Trentino: si tratta di 18 persone, con età media 80 anni, e di 102 nuovi contagiati; lo ha comunicato il presidente Maurizio Fugatti nel corso della conferenza stampa di oggi, a proposito della quale il presidente ha anche precisato: “Crediamo con questa trasmissione di portare con efficacia le informazioni reali e che sia giusto farlo attraverso la nostra voce, coinvolgendo tecnici e figure istituzionali, tenendo informati i cittadini”.


“Il Trentino – ha continuato il presidente – si trova oltre la media nazionale per decessi e contagi: un dato di cui dobbiamo prendere atto e del quale abbiamo discusso oggi in videoconferenza con il gruppo consiliare delle minoranze, che ringrazio per il contributo dato, perché dobbiamo affrontare questa emergenza con uno spirito istituzionale unitario”.

Attraverso le forze di polizia, ad oggi, sono oltre 31.700 le persone controllate, più di 1.200 delle quali sanzionate e 15 esercizi commerciali sospesi. Il prefetto ha sottolineato l’ingente opera anche dei sindaci e delle polizie locali: “Non dobbiamo demordere ed è necessaria tolleranza zero. L’unico sistema per agire contro l’epidemia è rimanere in casa e muoversi solo per i motivi previsti nell’autocertificazione”, ha detto. “Chi trasgredisce può essere segnalato al 112 da qualsiasi cittadino”.

L’assessore alla salute Stefania Segnana ha illustrato la situazione delle ultime 24 ore in tutto il territorio, riferendo anche degli incontri odierni con l’ordine degli infermieri, con Federfarma e Upipa, per un confronto sulla situazione di tutti questi professionisti, per conoscere le criticità e i casi di contagio. Per quanto riguarda i dati, su un totale di 2.529 casi dall’inizio dell’epidemia, di cui 562 nelle Rsa, attualmente risultano 178 guariti, mentre 79 persone si trovano in terapia intensiva. Informando sui nuovi decessi odierni, l’assessore ha rivolto sentite condoglianze a tutte le famiglie. Sugli aspetti organizzativi, l’assessore Segnana ha comunicato che oggi si è provveduto alla dematerializzazione delle ricette sanitarie per la farmaceutica DPC, cioè i medicinali distribuiti dalle farmacie per conto dell’Azienda sanitaria.

Enrico Nava, direttore del settore dell’Integrazione socio-sanitaria dell’Apss, ha riferito della situazione delle Rsa, comunicando la guarigione di 45 persone. “Anche in Rsa si può guarire, grazie all’azione indefessa di medici, Oss e di tutti coloro che riescono a supportare le persone con una assistenza di qualità” ha detto. Quindi ha riferito i dati di alcune strutture sul territorio, che oggi hanno contato 5 decessi e 60 casi di contagio.