Coronavirus. PAT: “In Trentino si presumono 15 mila casi attualmente sintomaci”

Quanti sono effettivamente i casi di Covid-19 in Trentino. Una parziale risposta – da prendere con le pinze – la fornisce il dottor Antonio Ferro durante la conferenza stampa di oggi pomeriggio. Tra le varie domande poste in merito al Coronavirus l’esperto ha spiegato: “Il nostro sistema di sorveglianza ha dimostrato circa 3,5 casi ogni mille abitanti. Quindi ciò farebbe pensare a 1800 casi di sindrome influenzale – quindi Covid-19 – legati. Sono dati che crociano con le segnalazioni dei medici di medicina generale e che quindi danno per il Trentino una stima molto precisa dei casi. Questi casi, assommati con quelli delle settimane precedenti, ci fanno pensare di aver avuto 15 mila casi attualmente sintomatici e quindi ci porteranno a far credere a fine epidemia circa un 20 mila casi. Sono dati molto importanti perché ci permetteranno di capire l’epidemiologia del Covid in Trentino”.

Frasi ovviamente da prendere con le pinze e che dimostrano che vi è un intenso studio per capire come il Coronavirus si sia diffuso in Trentino e in Italia, portandoci a capire che il tutto si è mosso secondo modalità ben diverse da quelle sino ad ora conosciute.

“Abbiamo degli operatori sanitari che avendo fatto la quarantena e il tampone sono risultati positivi. Sono pochi ma c’è da stare attenti”, ha affermato il Dottor Antonio Ferro, che poi ha voluto aggiungere che una persona uscita dal Covid-19 dopo 15 giorni deve stare attenta nel ritornare a lavorare.