Covid; Buoni spesa, mascherine, psicologi dei popoli, i trentini non sono soli

Indicazioni operative per aderire alle iniziative di supporto sociale PAT e COMUNI.

Entrerà in vigore martedì, con una nuova ordinanza, l’obbligo di indossare mascherine e guanti per entrare nei supermercati, nelle farmacie e negli altri esercizi aperti in questa fase di emergenza. Intanto sono pronte e verranno distribuite domani dalla Protezione Civile 150.000 mascherine destinate agli esercizi commerciali, lo ha detto il presidente Maurizio Fugatti nel corso della conferenza stampa di oggi, durante la quale è stato anche diffuso un video che spiega l’utilizzo di queste protezioni.

ORGANIZZAZIONE COMUNE PER COMUNE – “Domani incontreremo anche i sindaci e gli ispettori dei Vigili del fuoco volontari, che si metteranno a disposizione per distribuire casa per casa le mascherine chirurgiche destinate a tutti i trentini con una tempistica veloce” ha detto ancora il presidente.


ETIKA E PSICOLOGI PER I POPOLI – L’assessore alla salute Stefania Segnana ha annunciato un protocollo d’intesa per definire un accordo fra Comunità di Valle, cooperative del terzo settore e sigle sindacali, per fornire personale in supporto alle residenze sociosanitarie e ha comunicato che il progetto della Provincia #Resta a casa, passo io, ha superato 2.500 richieste di aiuto per la spesa, la distribuzione di farmaci e l’assistenza degli psicologi per i popoli a chi ha bisogno. Provvedimenti di sostegno che si affiancano al progetto Etika per le famiglie fragili e al progetto bonus alimentare, in partenza da domani.

BUONO SPESA – Il direttore generale della Provincia, Paolo Nicoletti, è intervenuto per spieganre le procedure per il buono spesa: il nucleo familiare interessato alla domanda, troverà da domani una finestra dedicata sul sito www.provincia.tn.it e semplicemente cliccando potrà compilare digitalmente la domanda. Chi non dispone di un dispositivo con l’accesso a internet potrà richiedere supporto agli uffici periferici della Pat, all’ufficio informazioni centrale di piazza Dante o alle comunità di valle e ai comuni di Trento e Rovereto. Un vademecum con tutte le indicazioni verrà diffuso anche attraverso la rete dei comuni.