Carabinieri Laives arrestano un bolzanino per rapina

I furti non si fermano neanche nel periodo della quarantena

I militari della Stazione Carabinieri di Laives hanno arrestato un bolzanino per rapina.

I carabinieri di Laives, intorno alle cinque del pomeriggio, sono intervenuti presso un esercizio commerciale di vendita prodotti cosmetici e per la pulizia ove era stato segnalato un furto. Il tempestivo intervento ha permesso di bloccare un uomo che aveva nello zainetto diversi profumi, per un valore commerciale di 257 euro. Dopo averli rubati era stato scoperto da una addetta alle vendite ma lui, invitato a restituire il maltolto, aveva invece strattonato la ragazza violentemente guadagnandosi la fuga. Tentata. Perché prontamente acciuffato dai militari dell’Arma.

Il furto perpetrato peraltro si era trasformato in rapina nel momento in cui aveva strattonato e spinto la ragazza che lo aveva scoperto. Peraltro il reato è diventato ben più grave, sebbene in entrambi i casi sia possibile procedere all’arresto in flagranza dell’indagato.

E infatti il quarantenne bolzanino, M.H. le iniziali, di professione operaio, è stato arrestato e trattenuto presso la cella della stazione CC di Laives a disposizione dell’autorità giudiziaria per il giudizio di convalida della misura precautelare.

Il soggetto è stato ovviamente sanzionato anche per la violazione delle prescrizioni “anti-COVID-19” poiché era andato a Laives – uscendo dal proprio comune di residenza – senza un giustificato motivo. La sanzione è stata peraltro il doppio di quella base poiché lo stesso è risultato recidivo, aveva infatti già ricevuto una contestazione giorni addietro in Bolzano.