Comandante nave italiana infettato da coronavirus e portato in ospedale

Il porto di Anversa mette in quarantena una nave cisterna italiana.

Dopo la nave da crociera Costa Atlantica ormeggiata a Nagasaki con trentaquattro membri dell’equipaggio risultati positivi al test sul coronavirus, anche una nave cisterna appartenente alla compagnia di spedizioni Quarto è stata messa in quarantena. La nave che batte bandiera italiana è ormeggiata alla banchina 317 nel porto di Fifth Harbour. Il capitano è risultato positivo al virus corona. È stato trasferito in un ospedale di Anversa. A nessuno è permesso salire o scendere dalla nave, ha dichiarato il portavoce dell’autorità portuale di Anversa. Anche il primo ufficiale è risultato infetto, ma non mostra sintomi. Il resto dell’equipaggio di 18 uomini non risultano contagiati. Tutte le navi in ​​arrivo devono presentare un certificato sanitario ad Anversa. Il capitano deve indicare con 24 ore di anticipo se ci sono (sospetti) malati a bordo e fornire un elenco degli ultimi dieci porti chiamati. Segue una proiezione della nave da parte di Saniport (FPS Public Health). È proprio il capitano della petroliera italiana, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, che si è ammalato. Ora è in ospedale. Il porto di Anversa ha emesso un divieto di navigazione. “Normalmente, il primo ufficiale può assumere il comando del capitano se la compagnia di navigazione è d’accordo, ma ciò non è possibile a causa del test positivo del primo ufficiale”, afferma Barbara Janssens del servizio stampa dell’autorità portuale.“La situazione è sotto controllo e viene attentamente monitorata. Non sappiamo ancora quando la nave potrà navigare. Seguiamo i consigli di Saniport. Questo collabora con i medici infettivi dell’Agenzia per la cura e la salute della comunità fiamminga ”, ha aggiunto il servizio stampa. Tale agenzia assiste la compagnia di navigazione a monitorare le condizioni dell’equipaggio, sia dal punto di vista medico che in termini di benessere.