98 contagi e 2 decessi: aumentano i minori Covid-19, e in RSA

Esiti dei tamponi in APSP Valle del Vanoi: 24 contagiati in RSA. Al via controlli epidemiologici.

Sono complessivamente 4626 le persone che in Trentino hanno contratto il Coronavirus, di queste 1296 sono state contagiate nelle RSA e 1881 sono guarite. Oggi si registrano 2 decessi, entrambi avvenuti in RSA. I nuovi contagi sono 98, tutti verificati con tampone, 32 all’interno delle RSA, 1092 il totale dei tamponi effettuati. Fra questi vi sono anche 8 minorenni che si trovano in quarantena al proprio domicilio. Le persone decedute dall’inizio dell’emergenza salgono quindi a 407. Quelle ricoverate in terapia intensiva, in continuo calo, sono 23, mentre 1308 sono in isolamento fiduciario a casa. Questo l’ultimo aggiornamento diffuso nel pomeriggio dal presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, insieme all’assessore alla salute, Stefania Segnana e alla task force impegnata a contrastare la diffusione del Coronavirus.

Il dottor Paolo Bordon, direttore dell’Azienda sanitaria, ha evidenziato, come detto anche dal presidente Fugatti, che le indagini si siano indirizzate, in questi giorni, all’interno dei nuclei familiari dove ci sono delle persone positive. “Questo spiegherebbe – ha detto – l’incremento dei contagi e del numero di minorenni contagiati”. 

Bordon ha poi evidenziato, rispondendo alle domande dei giornalisti, che vi sarà un’indagine approfondita sulla RSA della APSP del Vanoi a Canal San Bovo e che si sta cercando di verificare, con il CIBIO, la possibilità di produrre in Trentino i “reagenti” necessari ad effettuare i tamponi, considerata la cronica carenza, almeno a medio e lungo termine. Infine ha annunciato che dalla prossima settimana partiranno i test sierologici, già fatti a centinaia per gli operatori sanitari, fra la popolazione dei 5 comuni trentini più colpiti dal virus.