Artigiani e Ristoranti, Fugatti: “Agiamo nel rispetto Istituzionale, ma ci diamo una possibilità legislativa”

Dopo il rimbalzo di ieri tornano a livello stabile i nuovi contagi. Segnana: "Riaprono servizi e centri per i disabili"

Una giornata intensa e piena di incontri con gli attori locali per la situazione in evoluzione relativa al Covid-19 in Trentino. Oggi in conferenza stampa anche alcune informazioni tecniche e operative.

MAURIZIO FUGATTI, Presidente della Provinzia Autonoma di Trento: Nella giornata di oggi dopo il rimbalzo di ieri ci sono 31 nuovi contagiati di cui 7 minorenni e tutti con il tampone; nella giornata di oggi ci sono 5 decessi. Le terapie intensive sono 22, in calo. Sono 677 i tamponi effettuati di cui 241 del CIBIO. Il 4.5% dei tamponi è risultato positivo.

SPORT E PASSEGGIATE: Dal giorno 29 aprile si consentono passeggiate e corse a piedi nel territorio del proprio comune, mantenendo 2 metri per le attività sportive e un metro per il resto; si consente anche l’accompagnamento dei minori (anche da entrambi i genitori o congiunti) e non autosufficienti. Se ci sono altre persone permane l’obbligo di indossare le mascherine.

CAUTELE: Le librerie riapriranno dal 4 di maggio. Rimane ferma la cautela in quanto il contagio locale è molto alto e i decessi sono superiori alla media nazionale. La PAT non ha autonomia – se non restrittiva – relativamente alle ordinanze, a rischio di impugnativa da parte del Governo centrale.

SCUOLA: “La scuola riaprirà a settembre.” I centri estivi saranno riaperti quando si parlerà di una stabilizzazione dello R0, ha detto il Presidente. “Siamo coscienti dei grandi sacrifici che stanno facendo i bambini, in questo aspetto emotivo, umano e passionale.”

RISTORANTI ED ATTIVITA’: Secondo il Governatore Fugatti la metà del mese prossimo poteva essere adatta per le riaperture, per cui sono state mosse molte critiche per far valere il concetto di autonomia decisionale locale. Per poter accelerare in questo senso però se ne parlerà in Consiglio Provinciale. In questa logica anche gli artigiani che curano l’estetica e la persona. I Capigruppo al momento sono stati informati per far partire un Iter di legge ad Hoc, come è stato fatto nella limitrofa PAB. A differenza di Bolzano non ci si muoverà per ordinanze, ma per leggi.

CHIESE: Per pregare le chiese saranno riaperte dal giorno 30 aprile.

STEFANIA SEGNANA, Assessore alla salute: “Per la riapertura dei centri per ragazzi disabili e servizi diurni e semiresidenziali si prevede un protocollo per effettuare oltre 2 mila tamponi a utenti ed operatori del settore.”

IL QUESTIONARIO: Info e questionari su www.trentinofamiglia.it

ALCUNI DATI sulla pandemia: 1224 persone sono a domicilio, 182 sono in ospedale. 1741 sono guariti con il tampone e 307 sono guariti clinicamente ma non ancora con il doppio tampone.

Vediamo come sono dislocati i guariti per quanto concerne minori ed anziani: ci sono 19 guariti sotto i 10 anni e 32 tra i 11/20 anni. Per gli over 60 invece parliamo di rispettivamente 244 guariti, ben 164 per gli over 70, e ben 163 per gli over 80.

ANTONIO FERRO, Azienda Sanitaria: “Quello che succederà nei prossimi giorni è fondamentale. Siamo in contatto con l’Ordine degli Odontoiatri per riscrivere le linee guida che prevedano sia la parte logistica che la parte organizzativa e gestionale per la riduzione del rischio Covid per la normale attività nei laboratori.”

CANAL SAN BOVO: “E’ stato deciso di fare dei tamponamenti a tutto il personale e agli ospiti presenti, il quadro complessivo sarà disponibile entro dopodomani.”

RAFFAELE DE COL, Dirigente generale della Protezione Civile: “Per lo spostamento per le attività motorie e per le passeggiate è prevista la nota in Autocertificazione” ma non solo “L’Ordinanza emessa consente delle aperture sui territori delle regioni, dal 4 maggio, ma al momento siamo in attesa di direttive a livello nazionale, perché dobbiamo facilitare l’attività di chi controlla, in quanto fino al 17 maggio vi sono comunque dei limiti”.

SECONDE CASE: “Non è previsto il trasferimento in Trentino nelle seconde case.”

Da domani si possono fare delle passeggiate nei boschi.