Nursing Up: “Dalla Giunta provinciale risorse solo sulla carta”

Cesare Hoffer, Coordinatore di Nursing Up a Trento, ha criticato il disegno di legge n. 55 della Giunta provinciale a firma Maurizio Fugatti e Achille Spinelli. Particolarmente critico, secondo il sindacato degli infermieri, è lo stralcio del finanziamento per un importo totale di 20 milioni di euro già stanziati per l’indennità di vacanza contrattuale 2019/2020 dei contratti del pubblico impiego.

Il Presidente Fugatti di fatto non vuole più rispettare il patto sottoscritto nel gennaio 2020 con le confederazioni sindacali, agendo così in maniera unilaterale e senza alcun confronto sindacale” afferma Hoffer in un comunicato stampa. “Se il disegno di legge venisse approvato così come è stato presentato, i dipendenti del pubblico impiego in Trentino non riceverebbero più l’indennità di vacanza contrattuale con la busta paga dei prossimi mesi, dopo due anni di blocco“. Ad aggravare la situazione, il fatto che lo stesso provvedimento non sarebbe stato preso da nessun’altra regione italiana e tanto meno dalla Provincia Autonoma di Bolzano.

Per alcune categorie si prospettano tagli stipendiali, per altre come quella dei dirigenti provinciali gli stipendi invece aumenteranno” denuncia il Coordinatore di Nursing Up Trento. “Il disegno di legge Fugatti-Spinelli, al punto in cui dovrebbe prevedere le risorse economiche dedicate all’incentivo per gli operatori che hanno operato nei reparti Covid-19 dell’azienda sanitaria e delle Apsp” continua il comunicato, affermando che all’articolo 31 di tale disegno si citino 15 milioni di euro, da mettere a disposizione sui fondi di riserva del bilancio dell’Apss ma senza alcuna chiara visione relativa allo stanziamento di risorse economiche aggiuntive.

I professionisti infermieri e sanitari delle strutture socio-sanitarie trentine finora hanno solo dato tantissimo, senza ricevere nulla in cambio, facendo grandissimi sacrifici personali e familiari, in alcuni casi ammalandosi, operando in situazione di grave rischio per la propria salute e in una condizione di superlavoro, sempre e comunque con grande senso civico. Questo è il rispetto e la riconoscenza che mostra per tutti loro la Giunta provinciale” si chiede Hoffer.

Questa è una questione di dignità e giustizia, speriamo che il disegno di legge nel suo iter venga profondamente modificato. Vogliamo ricordare – continua il coordinatore del sindacato degli infermieri – che oltre 240 dipendenti dell’azienda sanitaria sono stati contagiati dal virus, di cui più del 40% sono infermieri e tanti altri colleghi si sono ammalati nelle Apsp! Se non avremo risposte concrete, preannunciamo che apriremo una mobilitazione“.

Non si può pensare – conclude Hoffer – di penalizzare ancora chi per 10 anni ha subito i blocchi dei rinnovi contrattuali e ha ampiamente dimostrato di essere il vero baluardo della sanità pubblica e nei servizi socio-sanitari nella recente pandemia. La politica vuole dare un segnale? I politici diano inizio alla riduzione del proprio stipendio“.