Covid-19 Trentino: 48 nuovi contagi, 3 presso le RSA e 2 decessi

Un andamento stabile che fa sperare bene per il futuro.

Appuntamento delle 18.30 con la consueta conferenza stampa per illustrare l’andamento epidemiologico della Sars-Cov-2 ovvero il Covid-19 che ha radicalmente scaraventato a terra le nostre vite costringendo la cittadinanza ad un radicale cambiamento di stile esistenziale. Ecco le novità presentate oggi a Trento, in seno all’incontro consueto a cura dell’Ufficio Stampa della Provincia Autonoma di Trento nella figura di Giampaolo Pedrotti.

Sono 19 le terapie intensive e 1744 i tamponi effettuati di cui 694 in APSS, 925 CIBIO, 125 FEM. “Il sistema trentino sta lavorando su questa tematica” ha detto il presidente “Il grado del contagio è 2.7 che ci fa guardare positivamente verso il futuro. In due giorni abbiamo fatto 3 mila tamponi”. Il totale è sul 7.1% della popolazione totale. Il Veneto ad oggi ne ha effettuati una percentuale in linea con il Trentino.

I contagi attuali sono nella maggior parte delle situazioni dovuti a contagio famigliare.

Oggi si è tenuto un importantissimo incontro politico ed economico con il Ministro Boccia: per il Trentino si è richiesta la sospensione di pagamento per due anni. Il tema affrontato è stato “quanto il Trentino contribuisce ai conti pubblici nazionali”.

Sono 430 milioni di euro annuali le cifre ad oggi pattuite, che di fronte ai conti pubblici andati ormai in completo dissesto a livello nazionale, diventano per il Trentino una questione di sopravvivenza, ha detto Maurizio Fugatti.