Fase 2. Conte fa leva sul senso civico degli italiani: “il futuro è nelle nostre mani”

E’ iniziato stamattina il primo giorno della tanto discussa “Fase 2”, quella in cui il Governo ha deciso di allentare leggermente le norme restrittive permettendo agli italiani di avere, nel loro quotidiano, qualche libertà in più.

Proprio sull’inizio della Fase 2 dell’emergenza coronavirus, il Premier Giuseppe Conte, si è rivolto alla cittadinanza attraverso un lungo ed accorato post su Facebook. Il Capo del Governo ha dapprima ricordato come con la Fase 2 inizi il delicato momento della convivenza con il coronavirus, ricordando come per superare questo momento ed evitare che la curva dei contagi torni ad impennarsi sarà necessario prestare molta attenzione e avere un senso di responsabilità ancora maggiore di prima.

Successivamente Giuseppe Conte ha cercato di fare leva sul senso civico degli italiani aggiungendo: “Come mai prima, il futuro del Paese sarà nelle nostre mani. Serviranno ancora di più collaborazione, senso civico e rispetto delle regole da parte di tutti. Dovremo tenere sempre alta l’asticella dell’attenzione, continuare a mantenere la distanza interpersonale, a indossare la mascherina quando e dove sarà necessario, e a lavarci spesso e con cura le mani. Più saremo scrupolosi nell’osservare le indicazioni di sicurezza e prima potremo riconquistare altri spazi di libertà. Non sperperiamo quello che abbiamo faticosamente guadagnato in cinquanta giorni”.

Infine, concludendo il post, il premier Conte, ha ricordato l’importanza di restare tutti uniti nella lotta al coronavirus: “Dovremo tutti insieme cambiare marcia al Paese. Con prudenza, decisi e determinati ad andare avanti ma senza rischiare di fermare il motore. Non c’è una ricetta giusta per garantire la ripartenza senza pensare in primo luogo alla salute e alla sicurezza di tutti noi. Sono fiducioso, insieme ce la faremo“.