Trento, problemi in maggioranza, attacca Giuliani

"Un quadro terribilmente desolante per un centrosinistra che neanche a parole ambisce a governare la città di Trento per altri 5 anni."

La maggioranza in Consiglio comunale a Trento, secondo la capogruppo della Lega Bruna Giuliani, è ormai ai ferri corti. “Troppi consiglieri dello stesso partito si mostrano divisi persino su questioni semplici come gli Ordini del Giorno“, afferma la Giuliani. “Non posso fare a meno di constatare che i lavori consiliari siano fermi non per colpa del Coronavirus, quanto piuttosto per delle discussioni sterili all’interno della maggioranza“.

Punto centrale della discussione è la sicurezza cittadina: “Si è ampiamente derisa la Lega così come tutto il centrodestra per le battaglie al fine di una maggiore sicurezza nel quartiere della Portela. Il candidato Sindaco del centrosinistra Franco Ianeselli parlava di maggior sicurezza in città, altri esponenti di sinistra non davano una visione unitaria sul problema sicurezza, arrivando così a dichiarazioni sconclusionate. Intanto il quartiere rimane sotto il giogo di loschi individui che beatamente delinquono anche in tempo di Coronavirus” continua la Giuliani.

Per quanto riguarda la variante urbanistica per Ravina, nell’area Lunelli, il centrosinistra avrebbe dimostrato, a detta della capogruppo leghista, di essere totalmente spaccato. Altro punto dolente sono le piste ciclabili: Ianeselli si è detto a favore, i suoi sostenitori sono invece contrari, il tutto ignorando totalmente il parere delle circoscrizioni. “Un quadro terribilmente desolante per un Centrosinistra che neanche a parole ambisce a governare la città di Trento per altri 5 anni. È tempo di cambiare” conclude la nota di Bruna Giuliani.

Critica anche Gabriella Maffioletti, vice-coordinatrice di Forza Italia in Trentino: “Le comunicazioni inviate ai cittadini dal Sindaco Andreatta attraverso video a tema ci danno lo spunto per parlare di punti programmatici di cui le forze politiche debbono occuparsi non con slogan, ma con proposte politiche adeguate e commisurate al momento, adottando strumenti specifici di qualità ed efficienza“.

Il Sindaco infatti avrebbe affermato di aver ricevuto molte sollecitazioni riguardo la presenza di immigrati che continuano ad assembrarsi senza mascherina. “Per gli irregolari – attacca la Maffioletti – è come se vi fosse una zona franca o un’immunità, per i cittadini locali invece la legge viene applicata in maniera ferrea e intransigente, in nome della tutela della salute pubblica“.

Questa anomalia – prosegue – rende ancor più indigesta l’azione persecutoria degli esecutori della legge, che dovrebbero servirsi della legge per accertare violazioni, interpretandola con doti di umanità e buon senso, non fare eccezioni o essere miopi. Trovo davvero paradossale che debbano essere i cittadini a segnalare il Sindaco affinché garantisca l’ordine pubblico e la sicurezza urbana, cose che dovrebbero essere al primo posto tra i doveri di una sana amministrazione pubblica“.

Nemmeno la forzista risparmia polemiche sulla Portela: “Sotto la guida dell’attuale governo di centrosinistra, un quartiere storico di Trento è diventato una zona franca della criminalità organizzata e anche solo questo dovrebbe orientare i nostri cittadini nelle future scelte elettorali per evitare una replica. Le misure del Sindaco Andreatta sono state irrisorie e inadeguate alla repressione dell’illegalità e del malaffare“.

In tempi di emergenza sanitaria, quando da un lato si chiede al popolo di fare sacrifici limitando discutibilmente la mobilità e dall’altro si nota che gli agenti di polizia locale sono sotto scacco da questo tipo di soggetti che albergano il nostro territorio è davvero inaccettabile accettare questo tipo di situazione. C’era un tempo in cui i vigili di quartiere erano vicini ai cittadini e al loro fianco, non dei meri esattori del Comune diventando così invisi ai cittadini” sottolinea la Maffioletti. “Vogliamo che la polizia locale torni a essere l’organo principe attraverso il quale il Sindaco possa garantire l’ordine pubblico e la sicurezza” sostiene in chiusura, rilanciando il sostegno di Forza Italia alla candidatura a Sindaco di Alessandro Baracetti.