Caso Silvia Romano. Salvini: “Il problema non è lei, ma l’uso che ne ha fatto il Governo”

Negli ultimi giorni le polemiche intorno alla liberazione di Silvia (o Aisha) Romano e il presunto pagamento del riscatto hanno catalizzato l’attenzione mediatica, con la popolazione divisa tra chi l’accusa di aver fatto sperperare denaro pubblico che poteva essere utilizzato in questo momento di crisi e tra chi invece ritiene che lo Stato abbia fatto bene a liberarla anche se venisse confermato il pagamento del riscatto.

Oggi, dopo alcuni giorni di silenzio, Silvia Romano ha cercato di mettere la parola fine alle polemiche attraverso un post su Facebook. La ventiquattrenne si è rivolta alla popolazione invitando a non arrabbiarsi per difenderla, aggiungendo come per lei il peggio sia passato e voglia solo godersi questo bel momento insieme.

“Sono felice perché ho ritrovato i miei cari ancora in piedi, grazie a Dio, nonostante il loro grande dolore. Perché ho ritrovato voi, tutti voi, pronti ad abbracciarmi. Io ho sempre seguito il cuore e quello non tradirà mai. Non vedevo l’ora di scendere da quell’aereo, perché per me contava solo riabbracciare le persone più importanti della mia vita, sentire il loro calore e dirgli quanto le amassi, nonostante il mio vestito” ha dichiarato in seguito la cooperante rapita nel 2018 in Kenya.

Sulla vicenda della sua conversione all’Islam è intervenuta direttamente la madre della Romano, che rispondendo ad una domanda ha affermato: “Come vuole che stia? Provate a mandare un vostro parente due anni là e voglio vedere se non torna convertito. Usate il cervello. Vogliamo stare in pace, abbiamo bisogno di pace”.

Nell’ottica di porre un freno agli insulti e alle polemiche arrivati intorno alla figura di Silvia Romano, è intervenuto anche il leader della Lega, Matteo Salvini, che come riportato da ANSA è intervenuto durante la trasmissione Agorà su Rai3. 

Matteo Salvini ha dapprima ripreso il deputato Alessandro Pagano che ieri si era reso protagonista di un duro intervento in aula contro la Romano paragonandola ad una neo-terrorista, affermando: “Ho parlato a Pagano come parlo con tutti, sindaci e parlamentari della Lega. Il problema non è Silvia Romano ma l’uso che il governo ne ha fatto, esibendola in diretta tv e facendo uno spottone ai tagliagole. Per quanto mi riguarda da domani non bisognerebbe pagare più nessun riscatto. In Italia ci fu una legge che impedì il pagamento e si bloccò il business dei sequestri”.