Il Trentino stanzia un bonus di 1.600 euro al personale sanitario impegnato nell’emergenza Covid-19

L’emergenza Covid-19 ha visto seriamente impegnato tutto il personale sanitario del sistema trentino e ora la Giunta provinciale ha deciso di premiare chi ha combattuto in “prima linea” la pandemia che ha monopolizzato l’opinione pubblica negli ultimi mesi.

Secondo quanto riferiscono fonti governative provinciali, sono 15 milioni di euro i fondi stanziati e destinati al personale sanitario, impegnato nell’emergenza. Una cifra, quella dei 15 milioni, che se viene ripartita equamente tra tutti i 9.197 membri del personale sanitario – 8.561 dipendenti e 636 convenzionati – porta a un bonus di oltre 1.600 euro.

Secondo quanto riferisce l’Assessore, il bonus sanità arriverà già con la busta paga di giugno: “Si tratta di una misura che premia il lavoro eccezionale dei nostri sanitari, i tanti sacrifici che hanno affrontato e i rischi ai quali sono stati esposti, ma che hanno comunque corso con dedizione e generosità“.

La proposta – afferma l’Assessore alla Salute Stefania Segnanaè quella di calcolare l’indennità sulla base delle ore effettuate, dando un riconoscimento indistintamente a tutte le figure sanitarie che si sono impegnate in questo periodo. Un giusto premio non solo per gli operatori dell’Azienda Sanitaria, come medici, infermieri, professioni sanitarie, personale ausiliario e operatori socio-sanitari, ma anche per il personale sanitario e socio-sanitario in servizio presso le RSA gestite dalle APSP e per quello impegnato sul territorio“.

Secondo le dichiarazioni della Segnana, inoltre, verrà articolato in due fasi distinte il processo di individuazione del personale avente diritto al bonus sanità, determinando anche il suo ammontare in rapporto al diverso grado di disagio lavorativo e di esposizione al rischio.

1 commento

  1. […] E’ ufficiale il riconoscimento del Bonus agli operatori sanitari anche delle rsa che hanno fronteggiato il Covid-19. A darne notizia oggi il Presidente Fugatti che ha ribadito che questo primo intervento è di 10 milioni di euro, cui seguirà un altro di 5 milioni di euro. 2742 dipendenti saranno i beneficiari del contributo per un complessivo di 500 mila ore di lavoro. Il bonus netto per un infermiere sarà di massimo 1500 euro netti. Stesse somme anche per gli operatori in RSA. Si conferma così quanto affermato nella mattinata dalla nostra testata. […]

Comments are closed.