Köllensperger: “Approvate dalla Giunta, in ritardo, le nostre proposte per la sicurezza nella ristorazione”

Paul Köllensperger, leader del Team Köllensperger, interviene sulle disposizioni della Giunta provinciale altoatesina per quanto riguarda la sicurezza del settore della ristorazione, messo in difficoltà dalle normative volte a evitare il contagio da Coronavirus.

Poche settimane fa, avevamo proposto in Consiglio provinciale di seguire il modello austriaco, prevedendo distanze di sicurezza nella ristorazione pari a un metro. La stessa misura sarebbe poi stata introdotta in Italia dal Governo Conte la settimane successiva” sostiene il Consigliere provinciale. “Si tratta di un buon compromesso tra esigenze sanitarie e tutela del settore economico. Per il nostro spirito collaborativo, avremmo accettato anche una distanza di sicurezza di un metro e mezzo, come raccomandato anche dal prestigioso Istituto Robert Koch“.

Tuttavia – continua Köllensperger – le nostre proposte sono state affossate, salvo poi vederle riapparire miracolosamente dalle ceneri, con la Giunta provinciale che ha deciso, nella delibera, di modificare l’allegato A alla legge provinciale sulla ripartenza. L’SVP si è quindi solo avvicinata alle direttive nazionali, arrivando al modesto risultato di stabilire, per il settore della ristorazione, una distanza a sedere tra gli ospiti di un metro in linea laterale e di un metro e mezzo in linea frontale“.

Se questa è la via dell’Autonomia tanto sbandierata, allora ci si dovrebbe chiedere già se ne è valsa davvero la pena, visto che non riusciamo a fare meglio del Governo” attacca il Consigliere provinciale, che conclude: “Meglio tardi che mai, certo, ma avere una vera strategia ci sembra una cosa molto diversa“.