Il salumificio trentino Fratelli Corrà sceglie la blockchain per certificare i suoi 170 anni di storia

170 anni e non sentirli. Era il 1850 quando Giacomo Corrà aprì a Smarano, piccolo paese di 400 anime in provincia di Trento, la sua bottega per la vendita di salumi e carni. Da allora le antiche ricette della lavorazione dei salumi a regola d’arte, secondo la tradizione trentina, si sono tramandate di padre in figlio.

Una storia indissolubilmente legata al territorio quella di Fratelli Corrà, giunta alla quinta generazione. L’ultima era in ordine di tempo, quella digitale, è iniziata nel 2009 sotto la guida dei fratelli Luca e Pio Corrà e del cugino Federico Corrà.

La prima importante scelta della nuova gestione è stata quella di rinnovare la produzione, creando uno stabilimento nuovo di zecca a poche centinaia di metri di distanza dal precedente, con l’intento di mantenere ben salde le radici sul territorio. Segue la decisione di ampliare l’offerta con la gastronomia di montagna di alta qualità, prodotta selezionando materie prime locali con l’intento di proporre al cliente un’esperienza gustativa completa delle eccellenze del Trentino.

Oggi nello stabilimento di Fratelli Corrà si continuano a produrre oltre 40 tipi di salumi, secondo le antiche ricette di famiglia, ma nel rispetto delle normative in materia di igiene e di sicurezza. “Non vogliamo perdere la memoria delle nostre tradizioni di famiglia, tanto che non abbiamo specializzato la nostra produzione a scapito della varietà dei prodotti. Continuiamo a produrre più tipologie di salumi, certificati da marchi territoriali trentini – afferma Federico Corrá, Marketing manager dell’azienda – Rispettare il passato non preclude però guardare al futuro, scegliendo gli strumenti che la tecnologia oggi ci mette a disposizione, per offrire un servizio migliore e far conoscere le qualità dei nostri prodotti, in Italia e nel mondo“.

Così l’anno scorso la Fratelli Corrà sbarca online con il suo e-commerce. Una scelta che si è rivelata vincente anche per gestire la recente emergenza sanitaria, come spiega Federico Corrà: “Grazie alla riconversione del business e puntando sull’e-commerce non abbiamo subito eccessivi contraccolpi dalla serrata a livello nazionale. Abbiamo implementato l’utilizzo di strumenti digitali e gestito spedizioni in tutta Italia“.

Ad aprile 2020, in pieno lockdown, Fratelli Corrà ha deciso di continuare a investire in innovazione tecnologica e di scegliere le soluzioni blockchain della startup svizzera Genuine Way, per garantire la tracciabilità e l’autenticità della filiera produttiva: “Era il momento giusto per mandare un segnale forte ai nostri clienti, investendo in una tecnologia che ci permettesse di aggiungere valore alla nostra relazione con loro, aspetto cui teniamo in modo particolare – continua Federico Corrà – Genuine Way ci ha fornito una piattaforma pronta all’uso che certifica, grazie alla tecnologia blockchain, in modo oggettivo e immutabile le informazioni che diamo al consumatore finale sulla provenienza dei nostri prodotti“.

L’autenticità è massima per il metodo che viene impiegato: Genuine Way ha, infatti, sviluppato ITEMx, una piattaforma digitale che consente alle aziende di caricare documenti aziendali e certificati sulla blockchain pubblica del protocollo Ethereum, il più diffuso a livello internazionale. Da qui si genera un’interfaccia native-mobile da collegare ai prodotti fisici attraverso la quale il cliente viene a conoscenza delle principali caratteristiche di quel prodotto.

Una garanzia della totale trasparenza della filiera, come spiega Walfredo della Gherardesca, uno dei fondatori e CEO di Genuine Way: “La nostra mission è quella di promuovere attraverso la tecnologia un consumo consapevole, dando risalto alle aziende che producono in modo sostenibile e rispettoso della tradizione, di cui Fratelli Corrà è un esempio concreto. Creiamo un punto di incontro tra i brand e i consumatori, ponendoci nei confronti dei primi nella doppia veste di fornitore e consulente tecnologico e verso i secondi come un portale grazie al quale raggiungere una maggiore consapevolezza di ciò che si sta acquistando“.

Il nostro percorso con Genuine Way è appena iniziato: dopo un periodo di formazione e consulenza, abbiamo coinvolto, per il momento, due dei nostri articoli, il Wurstel Naturale Frankfurter Valdivù e la Mortandela affumicata della Val di Non, per esaltare la naturalità del primo, che è l’unico prodotto senza additivi o conservanti, e la tipicità della seconda, che si produce solo in questo territorio – continua Federico Corrà – Il consumatore, con una semplice scansione da smartphone, può accedere all’etichetta digitale, con tutte le informazioni sul prodotto, oltre a interagire direttamente con noi: è come se avessimo aperto una nuova porta di accesso ai nostri clienti. La piattaforma di Genuine Way è facile e intuitiva da utilizzare e, cosa importante, è scalabile nel senso che nel tempo potremo arricchirla con ulteriori informazioni“.

Il progetto mette in luce i vantaggi della tecnologia blockchain in ottica di valorizzazione  dell’eccellenza del made in Italy e di rassicurazione dei mercati, nazionali e internazionali, soprattutto in momenti di grande incertezza: “Con la blockchain viene dato il giusto valore ad aspetti importanti, che contribuiscono all’identità di un brand, che altrimenti resterebbero nascosti: per Fratelli Corrà questi valori sono il rispetto di una tradizione di famiglia che si tramanda da secoli, l’autenticità e la sostenibilità dei prodotti e la filiera corta, che affonda le sue radici nel territorio del Trentino conclude Federico Corrà.

Agli investimenti in innovazione e customer care, nell’ultimo decennio di storia di Fratelli Corrà è corrisposta ogni anno una crescita di fatturato a doppia cifra. Oggi l’azienda è presente sul territorio con due punti vendita diretta al pubblico, uno proprio a Smarano, dove tutto è iniziato, e l’altro a Moena in Val di Fassa. Il principale canale di distribuzione resta però l’ingrosso, con una rete di gastronomie e macellerie, dislocate in tutta Italia, cui si affianca il canale horeca. All’estero Fratelli Corrà sta consolidando interessanti scambi con l’Europa dell’Est, in particolare Romania, Russia e Repubbliche Baltiche, oltre a Regno Unito, Francia e Spagna.