Manica (PD) attacca il marketing turistico trentino: “Allusioni alle difficoltà respiratorie e foto prese fuori Provincia”

Alessio Manica, Consigliere provinciale per il Partito Democratico, è intervenuto duramente sulla nuova campagna marketing della Provincia Autonoma di Trento. Per rilanciare il turismo, infatti, è stata lanciata un’immagine pubblicitaria con lo slogan “Respira, sei in Trentino“, rivolgendosi così a sportivi, curiosi, amanti del relax e famiglie.

Dopo che il Covid-19 ci ha tenuto in casa, obbligandoci a temere le cose più naturali come incontrare gli altri, possiamo sentirci liberi di andare dove vogliamo e persino di respirare, come afferma la campagna di Trentino Marketing” afferma in un’interrogazione il Consigliere dem.

Il sito della società scriverebbe anche che la nuova campagna “Respira, sei in Trentino” avrebbe come obiettivo invitare a un respiro più evocativo, “coinvolgente e contestualizzato all’interno di immagini che comunicano gioia e voglia di vivere, andando oltre l’atto fisico del respirare per recuperare il proprio tempo, allentare la tensione, ritrovare sé stessi e riacquistare equilibrio, in armonia con il verde dei boschi e l’azzurro dei laghi“.

A parte il discutibile riferimento alle difficoltà respiratorie, purtroppo una delle manifestazioni cliniche più frequenti del nuovo Coronavirus – sottolinea Manica – colpisce che per promuovere il verde dei boschi e l’azzurro dei laghi del Trentino si sia fatto ricorso a immagini provenienti da altri luoghi“. Secondo Manica, infatti, la foto presentata dalla campagna pubblicitaria non sarebbe relativa al lago di Caldonazzo, quanto piuttosto al lago di Oblačinsko, in Serbia.

La foto della campagna pubblicitaria

Presumibilmente, questa foto è stata acquistata dal catalogo Getty Images, del quale merita di essere citato anche il sottotitolo, ‘Moving the world with images’, forse ispiratore delle scelte di Trentino Marketing” continua il Consigliere. “Muovere e cambiare il mondo con le immagini può essere una lodevole aspirazione, ma era proprio necessario promuovere il Trentino con immagini provenienti da altri luoghi?

È evidente che una campagna promozionale non può essere giudicata da alcune fotografie improprie o da un velato rifermento ai sintomi del Coronavirus, sperando che i pubblicitari sappiano quello che stanno facendo. Tuttavia, in un momento in cui anche i fotografi hanno subito l’impatto della pandemia, l’utilizzo di materiale fotografico proveniente da fuori provincia per promuovere il Trentino non può che far sorgere qualche dubbio, considerando anche che la Giunta provinciale invita a consumare trentino” afferma Manica.

Il consigliere ha quindi interrogato il Presidente del Trentino Maurizio Fugatti e Roberto Failoni, Assessore provinciale al Turismo, per sapere come valutino la campagna di Trentino Marketing “Respira, sei in Trentino” con particolare riferimento alle osservazioni relative sia all’allusione alle difficoltà respiratorie, sia all’utilizzo di immagini non inerenti al territorio trentino. Inoltre, chiede di sapere anche se ci sia l’intenzione da parte della Giunta di dare direttive a Trentino Marketing affinché in futuro non ricorra a materiale esterno per promuovere il turismo provinciale e quali costi abbia comportato l’acquisto e la post-produzione delle immagini utilizzate per tale campagna marketing, confrontando tale costo con un eventuale acquisto di immagini simili da parte di professionisti locali.