Covid-19. Sileri: “Non dovrebbe esserci seconda ondata ma le misure vanno rispettate”

Il viceministro della salute, Pierpaolo Sileri, è intervenuto stamane all’interno dei programma radiofonico “Centocittà” su Rai Radio1 per parlare della possibilità che in Italia, nei prossimi mesi, vi possa essere una nuova ondata di coronavirus.

Parlando proprio della tanto temuta “seconda ondata di covid-19”, il viceministro Sileri si è lasciato andare a dichiarazioni molto incoraggianti: “Torniamo finalmente a respirare, la situazione va meglio. Anche dopo le riaperture, la paura di una seconda ondata del virus non sembrerebbe esserci. Le misure vengono rispettate, dal distanziamento al lavaggio delle mani, tuttavia serve un monitoraggio attento”.

In un altro passo particolarmente rilevante del suo intervento, Sileri ha ricordato come sia ancora presto per pensare di riuscire ad avere un vaccino anti-covid già il prossimo settembre, aggiungendo come, realisticamente, un vaccino potrebbe arrivare per la fine del 2020 o al più tardi l’inizio del 2021.

Pierpaolo Sileri ha inoltre chiarito come l’Italia non abbia acquistato alcuna dose di vaccino come si vocifera, ma abbia invece firmato un accordo, insieme ad altri paesi europei, per continuare a supportare e sostenere la ricerca sul vaccino anti covid-19.