Trentenne arrestato per droga a Rovereto, scovato un minimarket

Trovate piantine in casa e perlustrata l'auto

Nel corso della settimana, i Carabinieri delle Compagnia di Rovereto, stanno svolgendo servizi finalizzati alla prevenzione dei reati in materia di sostanze stupefacenti e psicotrope. Si è strategicamente individuato gli orari pomeridiani e serali, nonché le locations più frequentate dai giovani, quali i parchi cittadini o le grandi aree di sosta specialmente se nascoste.

Sono stati pertanto sottoposti ad attento controllo e vigilanza alle principali zone verdi e parcheggi della Città della Quercia e dei comuni limitrofi – anche per garantirne la civica ed ordinata fruizione ai cittadini – al fine, in particolare, di individuare eventuali soggetti dediti allo spaccio di sostanze stupefacenti, reato che di sovente vede coinvolti come soggetti passivi anche i minorenni.

In tale contesto nella serata di mercoledì dando ulteriore impulso all’attività i militari del Radiomobile di Rovereto, durante un controllo alla circolazione stradale lungo l’arteria stradale SP90, procedevano all’ispezione di un veicolo condotto da un trentenne tunisino, già noto alle forze dell’ordine, il quale nelle fasi del controllo si era dimostrato molto nervoso destando sospetti nei militari operanti. I componenti della pattuglia dapprima cercavano di tranquillizzare l’uomo spiegando a questi che avrebbero proceduto ad una classica verifica dei documenti e delle dotazioni di bordo, in seguito, visto il perdurante stato di agitazione del tunisino, provvedevano ad effettuare un attento controllo di polizia, perquisendo il veicolo.

Da un’accurata ispezione del veicolo veniva recuperata una discreta quantità di sostanza stupefacente (tre involucri contenente hashish, dal peso complessivo di oltre 320 grammi).

Tutto ciò portava i Carabinieri a svolgere ulteriori accertamenti, presso l’abitazione, estendendo l’attività di ricerca che permetteva di rinvenire, nella disponibilità del giovane, una serra contenente 5 belle piante di marijuana, alcuni ovuli di hashish (50 grammi), vari ovuli di eroina (2gr.) e cocaina (26 gr.), nonché 370 euro, verosimilmente provento dell’attività delittuosa e bilancino di precisione e materiale per il taglio. Visto quanto scoperto dai militari, non rimaneva altro che procedere all’arresto del soggetto per spaccio di sostanze stupefacenti e nella giornata di oggi sarà processato per direttissima come disposto dalla procura Roveretana.