Covid-19. Dopo il vaccino cinese, Trump corre ai ripari e compra l’intera produzione del farmaco remdesivir

Qualche giorno fa avevamo dato la notizia del primo vaccino del mondo contro il coronavirus ad aver raggiunto la fase della somministrazione sull’uomo, con la Cina che aveva somministrato il vaccino prodotto dall’azienda CanSino sui propri soldati.

Oggi, forse per rispondere all’operazione cinese o più probabilmente per cercare di arginare l’epidemia di Covid-19 che negli Stati Uniti sta causando ancora moltissimi problemi, è stato reso noto come gli U.S.A. abbiano deciso di comprare la quasi totalità della produzione del II trimestre 2020 del farmaco remdesivir prodotto dall’azienda statunitense Gilead Sciences.

Il remdesivir è un farmaco antivirale pensato inizialmente per trattare le infezioni da virus Ebola e da virus Marburg, ma con l’epidemia di coronavirus il suo utilizzo era stato sdoganato e approvato prima dalle autorità statunitensi e successivamente anche dall’Agenzia Europea del Farmaco (Ema) per il contrasto al Covid-19.

Il dipartimento sanitario degli Stati Uniti ha infatti ammesso come il Presidente Donald Trumpabbia firmato un accordo per acquistare 500.000 dosi del farmaco remdesivir, una cifra pari al 100% della produzione totale di luglio e al 90% di quella di agosto e di settembre.

La notizia del vaccino cinese deve aver lasciato il segno, con il Presidente Trump che ora sembra essere corso ai ripari per garantire anche agli Stati Uniti una cura, ad oggi potenzialmente, efficace contro il coronavirus.