Fact-checking. Coppia armata dinnanzi ai manifestanti in USA: smentita la matrice razzista anti Black Lives Matter

photocredit: il giornale

Nelle ultime ore è diventato virale un video, ricondiviso su Twitter anche da Donald Trump, che riprende una coppia, marito e moglie, fuori dalla loro abitazione mentre imbracciano un fucile semiautomatico e una pistola a Saint Louis nello stato americano del Missouri.

A far scalpore sarebbe il fatto che la coppia si sarebbe presentata così, armata, di fronte ad un gruppo di manifestanti del movimento Black Lives Matter che stavano sfilando nel quartiere.

La foto, com’era prevedibile, è stata subito presa a simbolo, da una certa parte dell’opinione pubblica, dell’America di Trump, razzista e pronta a sparare ai manifestanti, usandola come pretesto per attaccare ancora il Tycoon già al centro delle polemiche per la sua gestione della pandemia di coronavirus e per la morte di George Floyd.

Nella realtà i fatti sarebbero andati molto diversamente, la coppia sarebbe sì uscita imbracciando armi da fuoco ma solamente per proteggere la loro abitazione, una imponente villetta con cupola dorata e vetri (sembrerebbe) risalenti addirittura al XIV secolo, dalla furia inferocita dei circa 300 manifestanti che sarebbero entrati nella loro via privata, avvicinandosi al cancello della loro casa.

La coppia avrebbe urlato e mostrato le armi come tentativo di intimidire la folla che si stava avvicinando alla loro abitazione ed evitare, come già successo in diverse parti degli Stati Uniti, che il corteo potesse macchiarsi di atti vandalici distruggendo o rovinando la loro casa.

A suffragio di questa tesi vi sarebbero anche le dichiarazioni, riportate da Rai News, dell’avvocato della coppia, Albert Watkins, che ha dichiarato come i due appoggino da tempo la battaglia di Black Lives Matter e che si siano mostrati armati solamente dopo aver visto alcuni manifestanti minacciare la loro proprietà e quella dei loro vicini. L’avvocato ha inoltre aggiunto: “La cosa più importante per loro è che la loro immagine (con le armi in mano) non diventi un simbolo per le persone che si oppongono a Black Lives Matter”.

Stando a queste dichiarazioni verrebbe così smentita la matrice razzista e anti Black Lives Matter che molti hanno utilizzato per cercare di mistificare il video e utilizzarlo come movente per accusare di razzismo Donald Trump e la sua amministrazione.