Il 10 luglio prende il via Mezzano Romantica con BOCCACCesco

A Mezzano di Primiero prende il via venerdì 10 luglio la 10° edizione di Mezzano Romantica, che anche quest’anno, nonostante le problematiche legate all’emergenza Covid-19, non ha volto mancare all’ormai tradizionale appuntamento che connota culturalmente l’estate di questo borgo trentino ed è atteso da mezzaneschi e da turisti.

Il cartellone, organizzato dal Comune di Mezzano e affidato alla direzione artistica di Francesco Schweizer, sarà inaugurato in nome del teatro con la messa in scena di “BOCCACCesco“, letture e racconti liberamente ispirati al Decameron di Giovanni Boccaccio. Proseguirà poi con altri cinque spettacoli, fra teatro e musica, fino al 5 settembre

L’appuntamento è al Centro Civico alle ore 21. Lo spettacolo, gratuito, parte dal proporre alcune delle più divertenti e dissacranti novelle del Decameron interpretate da Lisa Galantini e Denis Fontanari, accompagnati dal cantautore Iacopo Candela, in arte Candirù. Le tematiche sono la grande celebrazione dei valori laici e terreni della vita, il gusto della beffa e l’arte della parola, la condanna impietosa della corruzione: attorno ad esse, i protagonisti del Decameron (sette donne e tre uomini), si sfidano, si raccontano, si traggono in inganno a colpi di arguzia, sensualità e riso. Dal Decameron gli attori spaziano poi ad altri testi e autori, sempre giocando sulla tematica del racconto durante l’isolamento, tornato di attualità con le recenti vicende e centrale di tutta la pièce.

Il Decameron è il capolavoro di Giovanni Boccaccio, che lo scrisse verso la metà del XIV secolo. Si tratta di una notissima raccolta di cento novelle, raccontate da dieci giovani novellatori (tre ragazzi e sette ragazze) nell’arco di dieci giornate, che danno appunto il titolo all’opera. Le novelle sono inserite in una cornice narrativa che prende spunto dall’epidemia di peste scoppiata a Firenze nel 1348, per sfuggire alla quale i dieci giovani decidono di soggiornare per due settimane in due residenze nel contado, dove trascorrono il tempo tra balli, canti e appunto il racconto delle novelle. Ogni giornata ha un re o una regina eletti a turno tra i novellatori, che decide il tema delle novelle che dovranno essere raccontate, mentre alla fine viene intonata una ballata e si sceglie il re della giornata seguente. I temi comprendono l’elogio della fortuna e dell’intraprendenza mercantile, gli amori infelici e gioiosi, le beffe, gli esempi di magnificenza e cortesia, mentre alcune giornate sono a tema libero. Uno dei novellatori, Dioneo, non si attiene mai al tema proposto.

Lisa Galantini è una nota e poliedrica attrice di teatro, cinema, tv. Diplomata alla Scuola del Teatro Stabile di Genova, recita per il Teatro Stabile di Genova, il Teatro Stabile di Brescia, il Teatro di Piazza e d’Occasione, la Goldoniana Giovani, il Teatro Cargo, il Teatro della Tosse, la Compagnia Gank, il Teatro Eliseo, Erretiteatrotrenta. Tra i film cui ha partecipato ricordiamo: Il più lungo giorno, regia R.Riviello, produzione Avati, 1997; Branchie, 1998; Come se fosse amore dei Cavalli Marci; Ti inseguo e non mi prendi, regia S.Gardini; Mirko, rosso come il cielo, regia di C.Bortone; Giorni e Nuvole, regia di S. Soldini. La maggiore notorietà le viene però dalla serie TV “La nuova squadra“, che la vede tra i protagonisti, come interprete del vicequestore Paola Ricci.

Denis Fontanari si è diplomato alla Scuola Giovanni Poli del Teatro a l’Avogaria di Venezia. Ottiene il Master in recitazione cinematografica alla Scuola di Cinema di Milano. È uno dei fondatori della compagnia ariaTeatro, con la quale gestisce, nel ruolo di direttore artistico, il Teatro Comunale di Pergine e il Teatro di Meano. Dirige artisticamente anche il Teatro di Villazzano. In teatro è stato diretto da: Simone Toni, Roberto Tarasco, Carlo Orlando, Riccardo Bellandi, Giuseppe Amato, Marco Alotto, Mirko Artuso, Nicola Benussi, Marco Ghelardi, Chiara Benedetti, David Jentgens, Carlo Sciaccaluga, Csaba Antal. Nel cinema ha lavorato con a Neri Parenti, Carmine Elia, Fabrizio Costa, Riccardo Donna, Pietro Reggiani, Vittorio Curzel, Andrea Porporati e Michael Steinke.

Candirù è Iacopo Candela. Milita in numerose band dell’underground trentino prima di iniziare la sua attività da solista nel 2014. Colleziona circa 500 concerti principalmente nel Nord Italia, con qualche capatina all’estero. Condivide il palco con molti dei più importanti nomi della scena musicale indipendente italiana. Nel 2017 apre il concerto di Vinicio Capossela sul prestigioso palco dell’Empire Shepard’s Bush di Londra. Registra 4 dischi e vari singoli. Dal 2017 fa parte della compagnia ariaTeatro per cui scrive colonne sonore e disegna le luci negli spettacoli di teatro ragazzi.