Crollo record delle nascite. Mai così in basso dall’Unità d’Italia

Nuovo crollo delle nascite, l’Istituto Nazionale di Statistica ha infatti evidenziato, nel suo report annuale, come per il 2019 sia stato registrato il nuovo minimo storico delle nascite dall’Unità d’Italia.

Con un calo del 4.5% rispetto al 2018 (valore pari a circa 19 mila unità) il record negativo delle nascite, raggiunto l’anno scorso, è stato peggiorato ancora. Con l’Istat che ha registrato inoltre un importante aumento (+16.1%) anche dei cittadini italiani che hanno deciso di trasferirsi all’estero.

Secondo il report dell’Istat, come riporta ANSA,le cause che hanno contribuito a questo sensibile calo della natalità vanno ricercate nella diminuzione della popolazione in età fertile e nello sviluppo di generazioni sempre meno numerose che hanno portato, sin dagli anni ’70, ad un costante calo della natalità.

A diminuire è stato anche il numero di bambini stranieri nati sul suolo italiano, diminuiti nel 2019 del 3.8% rispetto al 2018. Tra le regioni che evidenziano il maggior numero di nati stranieri al primo posto vi èl’Emilia-Romagna dove un quarto dei nuovi nati è figlio di stranieri, mentre all’ultimo posto è stabile la Provincia di Bolzano dove “solamente” il 9.9% dei nuovi nati proviene da famiglie straniere.