Ancora tensioni U.S.A – Cina. Pechino: “U.S.A. smettano di interferire in questioni interne”

“La Cina prenderà le necessarie risposte a tutela dei suoi legittimi interessi e imporrà sanzioni contro rilevanti dirigenti ed entità Usa.”

Con queste parole il Ministro degli Esteri cinese, Wang Yi, ha voluto mandare un segnale molto chiaro agli Stati Uniti e al suo presidente Donald Trump che nelle ultime settimane avevano alimentato le tensioni tra i due stati, già molto alte a causa dell’emergenza coronavirus.

Negli ultimi giorni infatti, la situazione era precipitata a causa della decisione di Donald Trump di firmare una legge che prevede pesanti sanzioni a dirigenti e banche cinesi a seguito della nuova legge sulla sicurezza imposta dalla Cina ad Hong Kong.

Da Pechino, come riporta ANSA, hanno fatto sapere di non aver per nulla gradito le ingerenze statunitensi, affermando come le nuove norme promosse da Trump violino “gravemente il diritto internazionale le norme di base delle relazioni internazionali” e invitando gli U.S.A. a non entrare nei loro affari interni.

Inoltre la Cina ha chiarito di voler continuare a preservare la propria sovranità nazionale, evidenziando come i tentativi statunitensi di fermare la nuova legge sulla sicurezza ad Hong Kong non avranno mai successo.

“Esortiamo gli Usa a correggere i propri errori astenendosi dalle interferenze in questioni puramente interne” ha poi concluso il Ministro cinese Wang Yi.