Degasperi (Onda Civica) con archi e violini in Piazza Dante

Il presidio del parco con la cultura e' l'idea di fondo.

Una domenica mattina differente alla Palazzina Liberty per il Consigliere Degasperi e il gruppo di archi di Onda Civica. Il concetto e’ di portare la cultura per occupare il parco e di portare le persone a presidiare la zona per viverla nel modo giusto.

Trento ha mollato la presa dopo il Covid pensando ai controlli ma adesso Filippo Degasperi non ci sta e rilancia con un concerto mattiniero e lo ribadisce in un lungo post su facebook.

“Rilanciare la cultura. Questo è uno dei nostri obbiettivi più importanti. Oggi abbiamo organizzato questo evento, oltre che per ringraziare con la musica i nostri amici e sostenitori, anche per valorizzarne l’importanza.”

Ecco la denuncia politica come segue.

“I radical chic che governano Trento da decenni hanno usato la cultura come strumento di propaganda, buona per occupare la ribalta e nulla più. Se invece andassimo a vedere i risultati rimarremmo alquanto delusi.

Troveremmo un enorme abisso tra le parole espresse sui palcoscenici e la realtà. Pensiamo solo alla esternalizzazione dei dipendenti del Muse, uno dei centri d’attrazione più importanti del nostro territorio.

Con la cultura noi possiamo risvegliare la città e tutto il nostro territorio, presidiarla e rendere vitale il territorio. Spendiamo 1 milione l’anno per la “task force” che presidia Piazza Dante… io farei a metà con le tante realtà culturali trentine: manifestazioni e spettacoli, oltre che essere un biglietto da visita migliore delle pistole, servono a rendere bello, vitale e sicuro il Parco.”

Foto di Filippo Degasperi via facebook