Elezioni U.S.A. Kanye West tiene il primo comizio: “Le armi? Da sole non uccidono, sono le persone a uccidere”

Nelle scorse settimane, negli Stati Uniti, hanno creato molto clamore le dichiarazioni del rapper Kanye West che, attraverso il proprio profilo Twitter, aveva annunciato la propria candidatura alle presidenziali americane.

Kanye West ha così mantenuto una promessa fatta ancora nel settembre del 2015 quando, agli MTV Music Award, aveva annunciato alla folla che si sarebbe candidato alle presidenziali del 2020, riportando poi il suo desiderio all’interno della canzone “Facts”.

Quello che ai più era sembrata solo un tentativo di farsi pubblicità, ha visto invece il rapper fare molto sul serio. West, supportato sia dalla moglie Kim Kardashan che dal miliardario fondatore di Tesla Elon Musk, ha infatti tenuto nelle scorse ore il suo primo comizio elettorale.

A Charleston, nella Carolina del Sud, davanti ad un centinaio di persone, Kanye West ha parlato per la prima volta davanti ad una folla di possibili elettori, toccando anche temi molto delicati

Il rapper, durante il suo intervento infatti, si è espresso su alcuni temi molto caldi affermando, per esempio, che l’aborto dovrebbe essere legale e aggiungendo come si dovrebbe dare un incentivo di un milione di dollari alle persone che decidono di avere un bambino. Questa mossa, secondo lui, potrebbe incentivare molte donne a decidere di non abortire.

Un altro passo particolarmente controverso del suo intervento ha visto il rapper parlare delle armi, tanto care ai cittadini statunitensi, dichiarando: “Le armi sono divertenti. Il punto è che se smettiamo di avere armi, quando gli altri Paesi verranno e ci troveranno senza armi cosa pensate che succeda? Sarete schiavizzati. Le armi non uccidono le persone, sono le persone a uccidere le persone”.

Non è la prima volta che il rapper finisce al centro dell’attenzione mediatica internazionale a causa della natura controversa delle sue dichiarazioni. In passato avevano destato molto clamore le sue posizioni su temi “scottanti” come il razzismo, ritenuto un problema troppo dibattuto negli States, e arrivando a dichiarare di essere rimasto vittima di eterofobia.

Oggi, nonostante quello di Kanye West continui a sembrare un tentativo di farsi pubblicità, il rapper è passato “dalle parole ai fatti” e ha iniziato la propria campagna elettorale, mostrando di avere posizioni molto conservatrici.

Sebbene la sua candidatura sia arrivata in netto ritardo rispetto a quelle dei principali avversari, Donald Trump e Joe Biden, il rapper non è sembrato per nulla spaventato anzi, ha mostrato di avere le idee molto chiare su quelli che sarebbero i punti cardine della sua presidenza evidenziando, se non altro, carattere e personalità fuori dal comune.

Carlo Alberto Ribaudo