Gli Uffici Giudiziari di Trento e Bolzano sono prossimi al collasso! E noi aggiungiamo, declassati!

Il collasso è certo perché dopo l’estate, gli Uffici Giudiziari saranno in ginocchio.

Dopo l’Associazione Nazionale Magistrati del Trentino Alto Adige “ANM”, dopo l’ordine degli Avvocati, anche i Dirigenti Amministrativi degli Uffici Giudiziari, gettano la spugna.

In primis, il Dirigente Sandro Pettinato, al quale va tutta la nostra solidarietà e comprensione per aver espresso pubblicamente tutte le difficoltà organizzative per far funzionare gli Uffici.

Naturalmente ciò ci rattrista molto ma, la FLP sempre molto critica e contraria sulla delega Giustizia alla Regione T.A.A. ed a tutte le altre deleghe dallo Stato agli Enti Locali, non è più sola! Anzi, è in buona compagnia, salvo qualche buontempone sindacalista che intende imitare le gesta di Hiroo Onoda (l’ultimo dei giapponesi) e che non si arrende all’evidenza di una sconfitta su tutti i fronti!

Nessuna Amministrazione o impresa privata sarebbe in grado di reggere a carenze di organico prossime al 50%. Negli Ultimi anni, il mancato turnover e mancate assunzioni, hanno portato ad un impoverimento delle conoscenze amministrative “spaventoso”. Neanche l’ombra di un concorso!

Ieri il presidente dell’ordine degli avvocati di Trento ha espresso tutte le sue preoccupazioni per la situazione che si è creata nei tribunali ed ha affermato: “…non rispondono neppure a telefono”.


Su quest’ultimo punto ci preme segnalare che il personale in servizio è così poco e stremato da non saper cosa fare per prima…
O rispondi a telefono oppure rispondi ai dirigenti e/o magistrati. Non si scappa!
Ben vengano coerenti prese di posizione da parte di tutte le istituzioni, purché si arrivi ad una immediata soluzione per rimettere in moto la macchina della giustizia in Regione.
Non basta qualche annunciato concorso, per poche unità di personale, con il contagocce e chissà quando…

La FLP propone un intervento straordinario da parte dell’Ente Regione per indire immediatamente i concorsi per tutti i profili professionali occorrenti al funzionamento della macchina giudiziaria (funzionari, cancellieri, assistenti ecc…).
Non dimentichiamo che nel resto del Paese, il Ministero delle Giustizia ha assunto migliaia di dipendenti. Tanti altri ne assumerà con il Decreto Rilancio! Perché la riforma della giustizia è una delle priorità assolute per far ripartire il sistema Paese.
Ecco, a tal proposito, visto che il Governo trasferirà alla regione Trentino Alto Adige, una pioggia di centinaia e centinaia di milioni di euro per investimenti e miglioramenti strutturali, la FLP chiede di utilizzare parte di quei fondi per attivare i concorsi, formare il personale ed efficientare i c.d. tribunali di Trento e Bolzano che, da quando erano i primi della classe, rischiano di diventare gli ultimi…
Inoltre, la FLP chiede all’organo politico di revisionare ed aumentare anche l’organico del personale tecnico/amministrativo dell’Ente Regione che, con l’arrivo dei 357 dipendenti proveniente dal Ministero delle Giustizia e, l’assolvimento degli obblighi per la gestione di tutto ciò che concerne la l’amministrazione degli immobili (palazzi, beni d’uso, sicurezza ecc…), è in gravissima difficoltà, perché non più in grado di far fronte alle quotidiane richieste di soluzioni amministrative per il personale dipendente e per le richieste di interventi sulle strutture.
Insomma, al Presidente delle Regione Arno Kompatscher, che stimiamo per serietà e competenza, l’ennesimo invito ad intervenire immediatamente sulle questioni aperte, prima che sia troppo tardi.
Anche perché, l’Ente Regione, dopo aver fortemente voluto la delega sulla giustizia, rischia di inanellare una gran brutta figura, con una eventuale revoca della stessa a favore dello Stato.
Naturalmente, le nostre considerazioni e contrarietà per le deleghe dallo Stato agli Enti Locali valgono anche e soprattutto per quelle in discussione come quella per la Corte dei Conti e per le Agenzie Fiscali. Per noi sacrosante in capo allo Stato!
Pertanto, si intervenga subito, altrimenti a settembre la FLP sarà pronta a dare battaglia!

Il Segretario Regionale F.L.P
Giuseppe Vetrone