184 migranti violano quarantena e scappano dall’hotspot di Caltanissetta. Il Sindaco: “Ora pretendo che non venga più nessuno”

photocredit: amnesty.lombardia.it

Ha dell’incredibile quanto accaduto a Caltanissetta dove, 184 migranti sono fuggiti dal centro di accoglienza Cara di Pian del Lago, violando le misure di quarantena a cui erano stati sottoposti.

I migranti che dopo essere sbarcati erano stati sottoposti, come d’uso, alla quarantena obbligatoria, hanno iniziato la maxi-fuga dalla struttura di Cara nisseno nel tardo pomeriggio di ieri intorno alle 18, con alcuni che si erano dati alla macchia fuggendo scalzi per le campagne limitrofe.

Le ricerche, iniziate tempestivamente, hanno visto coinvolte diverse decine tra carabinieri e poliziotti che, dopo una notte di ricerche,sono riusciti a recuperare ben 125 dei 184 migranti fuggiti, riportandoli al centro d’accoglienza e sottoponendoli nuovamente alle misure di quarantena obbligatoria.

Come riporta ANSA, sulla vicenda è intervenuto direttamente il Sindaco di Caltanissetta, Roberto Gambino, affermando: “Mi sto recando in Comune a scrivere una nota al ministro Luciana Lamorgese ribadendo che la struttura di Caltanissetta non è in grado di contenere queste persone, perché evidentemente non è idonea. Pretendo che non venga più nessuno a Caltanissetta e che il Cara venga svuotato da chi è in la quarantena. Ringraziamo le forze dell’ordine per aver rintracciato più di 100 migranti ma rimango dell’opinione che non possano stare qui”.

1 commento

Comments are closed.