Santa Chiara. Teatro Capovolto. Domenica 16 approderà sul palco Claudia Marsicano

Il calendario del Teatro Capovolto, la rassegna estiva del Centro Servizi Culturali S. Chiara, si arricchisce con un evento di grande impatto, che il pubblico trentino ha già avuto modo di apprezzare nel recente passato. “R.OSA_ESERCIZI PER NUOVI VIRTUOSISMI”, questo il titolo dello spettacolo nato da un’idea di Silvia Gribaudi (che ne ha curato anche coreografia e regia), e interpretato da Claudia Marsicano (Premio Ubu 2017 come miglior nuova attrice Under 35), che il Centro ha già avuto il piacere di ospitare nel corso di Y generation Festival 2018 e all’interno del Circuito regionale della danza. Domenica 16 agosto, ore 21.30, Piazza Cesare Battisti di Trento.

Leggerezza-ironia-libertà. Così si potrebbe descrivere la cifra stilistica di Silvia Gribaudi, artista torinese da un decennio attiva sulla scena della performing art italiana ed europea. Al centro della sua ricerca il corpo – danzante e teatrale – ma anche la relazione con il pubblico, nonché tematiche legate all’inclusione e all’indagine del tessuto sociale: l’età, il gender, la diversità. “R.OSA_esercizi per nuovi virtuosismi” è un assolo al femminile: «R. OSA», come il colore evocato dal titolo inequivocabilmente ricorda, ma anche un assolo sull’osare. Con un segno a tratti dissacrante, a tratti provocatorio e a tratti poetico, Gribaudi costruisce un viaggio nell’anti-stereotipo del femminile imposto dalla nostra società dell’immagine e dipendente dalla ricerca di perfezione oltre natura.

Diventato un cult delle ultime stagioni nei teatri di tutta la penisola, l’assolo coinvolge, diverte e pone interrogativi. “Cosa mi fa sentire bella?” Cosa mi rende fiera? La bravura o la corrispondenza a canoni estetici imposti? Quali pregiudizi e criteri applichiamo nel giudicare le persone? E come e quando questi pregiudizi riescono a svanire? Claudia Marsicano, magistrale interprete dello spettacolo, risponde a tutti questi quesiti con la sua bravura, la sua dirompente presenza scenica guidata dalla mano salda della regista-coreografa, capace di trascinare con ritmo il pubblico in un rito collettivo.

In una scena priva di orpelli, il corpo di Claudia Marsicano diviene movimento coreografico, suono, immagine dissacrante, colore. Una partitura del gesto apparentemente informale che esprime un disegno più ampio: la figura di una donna con i suoi dettagli, le sue forme, i suoi difetti che diventano bellezza. Il risultato? Il performer diviene opera; l’opera diviene messaggio. Un monito forte e chiaro per lo spettatore.

Per quanto riguarda le MODALITÀ DI INGRESSO all’Arena di Piazza Battisti, l’accesso sarà contingentato e sarà consentito solamente previo acquisto del titolo a pagamento (5 euro), acquistabile online sul sito www.primiallaprima.it, presso le Casse Rurali del Trentino e presso la biglietteria del Teatro Auditorium (da lunedì a venerdì, dalle 16 alle 19). Non è prevista la vendita biglietti la sera presso il luogo dello spettacolo.

Si invita il pubblico a volersi presentare con congruo anticipo in ragione delle procedure di ingresso condizionate dai protocolli anti Covid-19. L’accesso verrà consentito a partire dalle ore 20.15.

Si ricorda che è obbligatorio l’utilizzo delle mascherine e il rispetto del distanziamento sociale, in ogni fase di ingresso all’Arena.

L’accesso in platea avverrà attraverso 3 varchi: Settore 1, Settore 2 e Settore 3, distinti per colore e numerazione. La numerazione del varco sarà indicata su ciascun biglietto. Una volta all’interno, lo spettatore dovrà obbligatoriamente sedersi sulle sedie di colore blu.

Si informa che tutti i posti sono al coperto. Pertanto, l’evento si terrà anche in caso di pioggia.

Per ulteriori informazioni, visitare il sito www.centrosantachiara.it