Tossisce senza mascherina e poi “confessa” di avere il Covid. Follia sul treno

Incredibile quanto successo su un treno regionale in Sicilia, tra Termini Imerese e l’Aeroporto di Punta Raisi di Palermo. Nel corso di una lite, scaturita da una mascherina non indossata, un signore palermitano avrebbe volontariamente “tossito” in faccia a una signora.

Secondo le ricostruzioni giornalistiche della vicenda, al siciliano sarebbe stato imputato di non indossare la mascherina a bordo del treno regionale, violando le disposizioni anti-Covid. Un signore campano, in vacanza con la famiglia, gli avrebbe rimproverato questo comportamento illegittimo e per tutta risposta la moglie avrebbe ricevuto un colpo di tosse in faccia.

Stammi lontano, che ho il virus” ha poi aggiunto il pendolare palermitano, che ha poi apostrofato come “terroni” i signori campani, insultando Napoli e asserendo che non stia ad altri dire cosa debba fare, affermando anche di essere stato strattonato e minacciato per non aver messo la mascherina.

Alla fine il palermitano sarebbe sceso dal treno sfuggendo così al controllore del treno. Il signore campano ha provato a chiamare le Forze dell’Ordine mentre altre segnalazioni del fatto sarebbero giunte da testimoni oculari alla Polizia dell’Aeroporto di Palermo, capolinea del viaggio, nella speranza di rintracciare il maleducato trasgressore.