Carmen Martini (M5S): “La politica delle ideologie e’ finita”

"Il Primo cittadino deve avere credibilita'"

Carmen Martini che si presenta come papabile Sindaca, da 39 anni si occupa di amministrazione pubblica e di Bilanci e di sprechi se ne intende. E’ un funzionario pubblico.

Sta portando avanti una campagna elettorale di incontri e di gazebi. Su Trento. Combattiva e passionale ma umile come pochi.

“Trento e’ impantanato, io da tre anni lavoro per il MoVimento 5 stelle e sono una persona tenace. Sto dalla parte delle persone umili”, ha avuto una precedente esperienza con le elezioni provinciali dove si era presentata sempre per il partito.

“Sono molto preparata e competente. Una delle nostre stelle e’ ad esempio la mobilita’ sostenibile e per Trento come diciamo abbiamo in mente un piano per i parcheggi che consentano alle esigenze delle persone delle valli di trovare stallo gratuito e di avere una doppia funzione per l’ambiente, una mobilita’ pubblica da rilanciare per la citta’, sperimentando un sistema che funziona”.

Soluzioni per il traffico la cittadinanza e i lavoratori: “Trento subisce il traffico dei pendolari al mattino per cui con un aumento anche dei bus dobbiamo renderci conto che si possono fare cambiamenti senza opere faraoniche. Sono decisa per lo stop al consumo del territorio“.

Nelle zone delle periferie urbane Carmen fa i suoi giri di perlustrazione verso Solteri e Gardolo dove ci sono imprese e negozi ma mancano ancora servizi: “Le ciclabili finiscono nel nulla e manca la sicurezza”.

Il piano per le soluzioni urbanistiche e’ uno dei pensieri del suo partito. Che vuole pensare alle esigenze, mettere una nuova iniezione ma anche pensare ai costi contenuti.

Il turismo a Trento? Secondo Carmen Martini Trento deve recuperare il suo territorio e il suo aspetto tipico. “Il turista non cerca solo le grandi catene ma qualcosa di diverso”. Cita le grandi metropoli nord europee ma anche Genova come esempi di diversificazione e di utilizzo delle risorse.

“Vogliamo recuperare tutto, evitare di andare a fare la spesa ad Affi, evitare l’omologazione commerciale con le grandi catene. Il politico deve spronare coinvolgendo la cittadinanza”.

Il centro citta’ e’ svuotato e questo perche’ manca una chiave di lettura della citta’: “Il primo cittadino deve avere credibilita’ ed essere affidabile” critica l’ex pentastellato che si presta a una candidatura avendo gia’ un ruolo in provincia.

I bambini e i minori: “Io sono nonna di tre bambini e credo che si possano recuperare spazi anche interni per bambini, aree verdi, luoghi di incontro”.

“La cittadinanza attiva e’ la partenza di tutto”. Carmen Martini si dice certa di non arrivare a Sindaco. “Non avrei nessuna difficolta’, seguo la ricerca, i progetti, conosco la macchina, ma ritengo che alla base di tutto ci sia un buon dirigente”.

Il ruolo delle Circoscrizioni? “Nel nostro programma abbiamo un progetto per riprenderle in mano. La politica delle ideologie e’ finita. Non sono per il NO. Io sono pronta al dialogo. Parlo con le persone.” Le Circoscrizioni infatti non stanno funzionando un granche’!

Carmen Martini comunque c’e’ per far vivere la politica al di la’ della politica rappresentativa con equilibrio. Ogni giorno qualcosa c’e’. Il reddito di cittadinanza? “Una cosa buona ha salvato tanti dal suicidio. Mi vengono a ringraziare!”

Il MoVimento in MoVimento dove il bene e’ il bene dei cittadini. In tutti i campi il cittadino ha una sua genialita’, ogni giorno una conferma. E’ il fiume in piena della passione di Carmen Martini lontana dal proprio interesse personale. Contro le omerta’. Dove il sistema degli interessi personali deve essere interrotto. Il pensiero in sintesi di Carmen Martini candidata Sindaca su Trento per il MoVimento 5 Stelle.(MC)