Nuova bufera su Trump. Avrebbe definito i caduti americani “perdenti e cretini”

epa07833470 US President Donald J. Trump takes the stage to deliver remarks at the 2019 National Historically Black Colleges and Universities Week Conference, in Washington, DC, USA, 10 September 2019. EPA/KEVIN DIETSCH / POOL

Dopo essere assurto, nei mesi scorsi, agli onori della cronaca a causa delle sue controverse dichiarazioni sul coronavirus e per la sua“battaglia”contro Twitter, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, è tornato nell’occhio del ciclone a causa di alcune sue presunte dichiarazioni sui caduti di guerra americani.

Stando a quanto riporta un articolo del magazine “The Atlantic”, notizia ripresa anche da ANSA, il Tycoon avrebbe definito i caduti americani durante la I° Guerra Mondiale come“perdenti”e“cretini”.

I fatti risalirebbero al 2018 quando durante la visita in Francia nel novembre 2018 in occasione del centenario della fine della I° Guerra Mondiale, Donald Trump, lamentando maltempo, aveva annullato la propria visita ad un sepolcreto americano nei pressi di Parigi. 

Le cattive condizioni metereologiche però, sempre secondo “The Atlantic” sarebbero state solamente una scusa, in realtà il Tycoon avrebbe “marcato visita” in quanto non interessato ad onorare la memoria dei caduti. Con lo stesso Trump che in merito avrebbe commentato ai suoi più stretti collaboratori: “Perché dovrei andare a questo cimitero? È pieno di perdenti”, non solo, rincarando la dose avrebbe anche definito i circa 1500 militari U.S.A. caduti nella battaglia di Bosco Belleau come“cretini”.

“The Atlantic” non ha reso pubbliche le sue fonti, contribuendo ad alimentare l’alone di mistero intorno a queste dichiarazioni e, sebbene sembrino più che altro un tentativo di screditare ulteriormente l’attuale Presidente in vista delle prossime elezioni, se venissero confermate poserebbero ulteriori, e pesanti, ombre sulla figura, già di per sé, controversa di Donald Trump.

Sulla vicenda, la Casa Bianca non ha tardato a far pervenire la propria versione dei fatti respingendo in toto tali illazioni: “Nessuno è abbastanza coraggioso da mettere il suo nome su queste accuse. È perché sono false.”