Valdastico, uscita a Marco la lettera di Viliam Angeli (Lega)

“Resto sinceramente e profondamente deluso del livello di bassezza di cui si sta dando prova in questa conclusione della campagna elettorale per le comunali di Rovereto, con il presidente uscente della circoscrizione di Marco, Andrea Vaccari, intento a supplicare i residenti della zona di votare Francesco Valduga perché lui «è contro la Valdastico» con l’uscita a Marco, appunto. Ora, come dovrebbe essere noto perfino ad uno come Vaccari – il cui spessore politico si evince già dal suo trasformismo, quello di uomo che si è sempre dichiarato di destra, salvo poi rendersi protagonista di un clamoroso inciucio con la sinistra roveretana – non c’è nessuna uscita della Valdastico prevista a Marco ma solo, eventualmente, a Serravalle, dove peraltro non esistono insediamenti abitativi. 

Allora perché tale continuo spauracchio politico – diffuso in queste ore perfino con demenziali volantini – con la Valdastico a Marco? Semplice: per indicare Francesco Valduga, autentico mago delle piroette e dei testacoda ideologici, come il «Salvatore» della Città della Quercia. Abbiamo insomma a che fare con una vera e propria campagna terroristica, che oltretutto la dice molto lunga sulla fifa che si respira a sinistra in queste ore. Concludo dicendomi certo che i roveretani non si faranno incantare da questi colpi bassi e domenica premieranno, con il loro consenso, Andrea Zambelli, candidato che, a dispetto dei goffi tentativi di additarlo a sponsor della Valdastico, è in realtà un uomo che farà il possibile per tutelare l’integrità paesaggistica di Rovereto stando però pure attento a traghettare la città oltre le paludi dell’immobilismo cui l’ha relegata la Giunta Valduga”. 

Il Consigliere comunale e Responsabile sezione Lega di Rovereto, Viliam Angeli