L’ex Assessore alla salute Luca Zeni positivo al Covid. In attesa dell’esito era ospite in TV

Alla fine il Consigliere provinciale del Partito Democratico ed ex Assessore alla Salute della Provincia Autonoma di Trento, Luca Zeni, è risultato positivo – anche se asintomatico – al Covid. La notizia è rimbalzata nella serata di oggi a seguito di una capogruppo di emergenza in cui è stata comunicata la situazione che mette a rischio anche la Capogruppo della Lega Salvini Trentino, Mara Dalzocchio, che era presente a Trentino TV con l’ex Assessore che aspettava l’esito del test.

Un fatto curioso quello del mancato isolamento dell’ex Assessore Zeni. L’Azienda provinciale dei Servizi Sanitari prevede infatti che “in attesa di sottoporsi al test e dell’esito si deve rimanere in isolamento nella propria abitazione o dimora. Apss contatterà la persona con le indicazioni del giorno, ora e luogo per fare il tampone“.

Eppure in attesa dell’esito era ospite di una trasmissione televisiva a Trentino Tv per commentare, anche con il direttore de Il Dolomiti (collegato via Skype), i risultati della tornata elettorale negli 8 Comuni reduci dal turno di ballottaggio. 

L’ex assessore era presente in studio con il Capogruppo della Lega Salvini Trentino, Mara Dalzocchio.

È comunque lo stesso Zeni a spiegare quanto successo: “Nei giorni scorsi nella mia routine di runner mi sentivo stanco. Avevo fatto una gara domenica ma facendo fatica. Nei giorni precedenti un dolore alla schiena mi aveva impedito di allenarmi bene, e avevo attribuito a quello la causa, ma anche nei giorni successivi mi sentivo fiacco, con poca voglia di correre, cosa non normale per me“.

Per questo, avendo ancora in agenda qualche gara, ho contattato il medico, per concordare magari degli esami del sangue, per vedere se fosse tutto a posto” prosegue l’ex Assessore. Il medico, pur ritenendola un’ipotesi da escludere visti i sintomi così generici, avendo Zeni un’attività dove incontra molte persone, ha proposto all’esponente dei Dem di fare un tampone “per scrupolo e per toglierci il pensiero“.

Tuttavia al tampone – secondo quanto riferisce lo stesso Zeni – non ha fatto seguito “alcun obbligo di isolamento o di limitazioni nel frattempo“. “Intanto la stanchezza è passata, ieri ho fatto una bella corsa nei boschi, ed ho pensato che il calo di forma fosse già passato. Venerdì ho fatto il tampone, ed a sorpresa oggi è arrivato l’esito positivo. Mi dispiace molto, non per me, che sono asintomatico e sto bene, ma per i possibili disagi che potrei creare“.

Oggi è già stata convocata una riunione ad hoc dei capigruppo per concordare le modalità di svolgimento del consiglio provinciale di domani, martedì 5 ottobre. “Si è già diffusa molta preoccupazione – aggiunge Zeni – anche tra i ‘contatti dei contatti’, che in realtà sarebbero coinvolti solo in caso di positività anche di un familiare. Anche per questo spero di rimanere l’unico positivo in famiglia“.