Demattè presenta tre documenti riguardanti il degrado a Trento

A meno di una settimana dalla seduta inaugurale del rinnovato Consiglio comunale di Trento, si contano già i primi documenti depositati dal gruppo Lega.

Così quanto dichiarato dal neo Consigliere della Lega Daniele Dematté: “Seppur all’opposizione, i nostri obiettivi politici non cambieranno e le promesse fatte in campagna elettorale fungeranno da bussola per orientare l’attività della Lega in Consiglio comunale. Ho già provveduto al deposito di tre atti, due proposte di mozione e un’interrogazione, per ricordare all’amministrazione come temi a me molto cari, quali la sicurezza e il decoro urbano, abiteranno con continuità l’aula consiliare e gli assessorati. La gente è stanca di assistere al declino di una città un tempo sicura e decorosa, e di fare quotidianamente i conti con degrado, inciviltà, maleducazione e criminalità, in totale spregio di norme e regolamenti. Esigiamo un maggior coinvolgimento di Comune e forze dell’ordine, gli unici ad avere i mezzi e gli strumenti per fronteggiare situazioni ormai insostenibili, che trovano i cittadini inermi e inascoltati. Si veda ad esempio quanto accade tra via S.Maria Maddalena, vicolo S.Marco, piazzetta Agostiniani e zone limitrofe. Chiediamo azioni concrete e puntuali, come l’adesione all’operazione “Strade sicure”, per riportare le zone oggi più “a rischio” della città – come piazza Dante, piazza S.Maria Maggiore, via Pozzo, il quartiere del Magnete, del Tridente e di Canova di Gardolo – a condizioni di continuativa decenza e vivibilità. Infine, riteniamo fondamentale riporre la giusta attenzione verso temi anche indirettamente collegati alla sicurezza, come un’efficace illuminazione pubblica, e per questo chiediamo che vie fondamentali come Via Calepina possano godere anch’esse di un’illuminazione adeguata.”