Nizza. L’attentatore sarebbe un tunisino passato per Lampedusa, Ciocca (Lega): “Ecco a cosa porta l’accoglienza BUONISTA indiscriminata!”

Angelo Ciocca
Angelo Ciocca

Sono ore di paura in Francia dopo che, stamane, nei pressi della Cattedrale di Notre Dame a Nizza un attentatore armato di coltello ha ucciso tre persone al grido di “Allah Akbar”

Secondo le prime ricostruzioni l’uomo, un tunisino di 25 anni sbarcato pochi mesi fa a Lampedusa, ha dapprima colpito una donna all’interno della chiesa, tendando di decapitarla, pugnalando poi a morte il sacrestano della cattedrale e, prima di essere fermato dalla Polizia, ferendo mortalmente un’altra donna alla gola. La polizia, intervenuta poco dopo, è riuscita a ferire e ad assicurare alla giustizia l’uomo. 

Sulla vicenda è intervenuto direttamente il Sindaco di NizzaChristian Estrosi, affermando alla tv francese: “L’autore dell’attentato, mentre veniva medicato dopo essere stato ferito dalla polizia, continuava a gridare senza interruzione Allah Akbar”

Tra i primi ad aver commentato l’accaduto vi è stato anche l’europarlamentare della Lega, Angelo Ciocca, che attraverso il suo profilo Twitter, ha mostrato la propria vicinanza alla popolazione nizzarda, dichiarando: “Assurdo! L’ennesimo attentato in Europa a cui assistiamo inermi. Dopo le INNUMEREVOLI dichiarazioni dei vari leader europei ancora oggi NON SIAMO SICURI in CASA NOSTRA! Una “casa” europea che tiene le porte APERTE, che NON CONTROLLA, che TACE. Il mio cordoglio alle vittime.” 

Sempre su Twitter, Ciocca ha commentato anche le indiscrezioni sull’identità dell’attentatore, identificato in un venticinquenne algerino di nome Brahim che sarebbe arrivato, solo pochi mesi fa, a Lampedusa. L’eurodeputato della Lega anche in questo caso ha commentato laconicamente: “Ecco chi è l’attentatore di Nôtre-Dame che ha accoltellato e ucciso tre persone, DECAPITANDONE una. Un TUNISINO, arrivato da poco in Francia dopo essere sbarcato a LAMPEDUSA! Ma scherziamo?? Ecco a cosa porta l’accoglienza BUONISTA indiscriminata! Siete d’accordo?” 

In attesa che venga fatta ulteriore chiarezza sulla vicenda, risulta evidente come i fatti di Nizza pongano ulteriori ombre sulla questione relativa ai migranti e ai loro arrivi sul territorio europeo. Riportando gli sbarchi clandestini nuovamente al centro dell’attenzione mediatica internazionale.