Putin pronto a dimettersi il prossimo anno per via del Parkinson. Mosca però nega tutto

VLADIMIR Putin ha in programma di dimettersi all’inizio del prossimo anno tra i crescenti timori per la sua salute, hanno affermato ieri sera fonti di Mosca.

Gli osservatori del Cremlino hanno affermato che un recente filmato rivelatore ha mostrato che l’uomo forte di 68 anni ha possibili sintomi del morbo di Parkinson . E analisti informati hanno affermato che l’ affascinante ex amante della ginnasta del presidente russo Alina Kabaeva, 37 anni – una volta soprannominata “la donna più flessibile della Russia” – lo sta implorando di lasciare la presa sul potere.

Gli osservatori – che hanno studiato le recenti riprese di Putin – hanno notato che le sue gambe sembravano essere in costante movimento e sembrava soffrire mentre stringeva il bracciolo di una sedia. Si vede anche che le sue dita si agitano mentre teneva una penna e stringeva una tazza che si credeva contenesse un cocktail di antidolorifici.

La speculazione che il suo regno di 20 anni – secondo solo a quello di Stalin – potrebbe essere vicino alla fine è cresciuta all’inizio di questa settimana quando sono state redatte le leggi per renderlo senatore a vita quando si dimette. La legislazione introdotta dallo stesso Putin è stata approvata dal parlamento per garantirgli l’immunità legale dall’accusa e dai vantaggi statali fino alla morte.

Lo scienziato politico di Mosca, il professor Valery Solovei, ieri sera ha alimentato ulteriori speculazioni suggerendo che Putin potrebbe avere sintomi del Parkinson. L’accademico ha detto di aver capito anche che la partner sconosciuta di Putin, Alina, lo stava facendo pressioni per dimettersi – insieme alle sue figlie Maria Vorontsova, 35 anni, Katerina Tikhonova, 34.

Solovei ha detto: “C’è una famiglia, ha una grande influenza su di lui. Ha intenzione di rendere pubblici i suoi piani di consegna a gennaio”. Il professore ha predetto che Putin avrebbe presto nominato un nuovo primo ministro che sarebbe stato preparato per diventare il suo eventuale successore.

E nel 2015, un team di ricercatori del Dipartimento di Neurologia, Radboud University Medical Center, Nijmegen, Paesi Bassi, guidato dal professor Bas Bloem, ha identificato i segni nell’andatura di Putin che potrebbero indicare il Parkinson. I ricercatori hanno notato come l’uomo forte russo cammina con il braccio sinistro immobile, quasi bloccato su un fianco, mentre il suo braccio destro oscilla liberamente.

Le foto del Presidente che tiene i discorsi lo mostrano anche con il braccio destro appoggiato casualmente a un leggio, con il sinistro dritto al suo fianco. La ricerca peer-reviewed afferma che una camminata che mostra una marcata riduzione dell’oscillazione del braccio su un solo lato a volte può essere un sintomo del morbo di Parkinson, afferma Medical News Today.

Ma il team ha anche sottolineato che potrebbe trattarsi di una “marcia dei pistoleri”, con agenti del KGB addestrati a tenere le loro armi ben fissate sul lato sinistro. Tuttavia, lo staff del presidente ha più volte minimizzato le voci secondo cui sta spianando la strada a un’uscita politica.

E il Cremlino oggi ha insistito che Putin gode di “ottima salute” e “va tutto bene con il presidente”. Un portavoce ha respinto le affermazioni sulla malattia di Parkinson come “sciocchezze”.