Caso Brumotti. Lega chiede la chiusura di Piazza Dante, Giuliani: “Stop al supermarket della droga”

Nelle ultime ore, a seguito dell’aggressione dell’inviato di Striscia la Notizia, Vittorio Brumotti, la questione relativa ai problemi di degrado e spaccio che, da anni, affliggono la città di Trento, è tornata di strettissima attualità.

Se l’aggressione avvenuta ai danni di Brumotti ha portato i problemi di Trento “sotto gli occhi” di tutta Italia, a livello locale sono anni che le questioni inerenti alla sicurezza sono diventate “il segreto di Pulcinella” della città. Senza che però le varie amministrazioni comunali che si sono susseguite, nel corso degli ultimi anni, siano riuscite a debellare questa, vera e propria, piaga sociale.

Dall’opposizione invece, è arrivata l’ultima proposta di mozione targata Lega che, attraverso i suoi Consiglieri comunali, ha chiesto al Sindaco di chiudere il parco di Piazza Dante e muoversi con decisione per “prevenire e reprimere” lo spaccio di droga sul suolo cittadino.

I consiglieri della Lega di Trento, a margine della presentazione della proposta di mozione, hanno chiarito come l’obiettivo sia quello di combattere lo spaccio in una delle zone cardine del centro cittadino. Attività illecita che, ad oggi, avviene tranquillamente alla luce del sole, senza che nessuno sia ancora intervenuto per fermarla.

Sulla vicenda è intervenuta poi direttamente la Capogruppo in Consiglio Comunale Bruna Giuliani che, dopo aver ricordato come la Lega si batta da anni per la risoluzione del problema dello spaccio e come nulla sia stato fatto dall’amministrazione di centrosinistra, ha aggiunto: “Una situazione che, del resto, non possiamo ignorare anche alla luce dell’emergenza Covid-19, che ha richiesto l’adozione di misure eccezionali al fine di evitare assembramenti in vie e piazze cittadine e di garantire la sanificazione di aree destinate alle famiglie, ma di fatto – in questo caso – occupate dalla malavita in totale spregio delle regole di prevenzione. Per questo motivo abbiamo proposto una mozione con la quale si invita il Sindaco a chiudere Piazza Dante al fine di evitare il diffondersi dell’epidemia”.