Grand Hotel Dobbiaco, ok al risanamento – Bessone: Linfa per le imprese locali

L’ex Grand Hotel Dobbiaco sarà sottoposto a vari interventi di risanamento energetico e miglioramento funzionale. La Giunta provinciale, su proposta dell’assessore all’edilizia pubblica e patrimonio Massimo Bessone, ieri (10 novembre) ha approvato il programma planivolumetrico delle opere da realizzare che comportano un investimento di poco più di 13 milioni di euro. La gara di progettazione è prevista per il 2021. Per l’appalto dei lavori, che dovrebbero essere avviati nel 2023, gli interventi saranno suddivisi in vari lotti. “La suddivisione in lotti consente di dare la possibilità alle piccole e medie imprese locali di partecipare alle gare e costituisce, così, un volano per l’economia altoatesina per affrontare la situazione di crisi”, afferma l’assessore Bessone- “Grazie a questa modalità operativa – aggiunge – riusciamo anche ad avere maggiore flessibilità di finanziamento negli anni”.

Riqualificazione e risanamento energetico

Il complesso ex Grand Hotel Dobbiaco fu sottoposto ad un grande intervento di ristrutturazione durante gli anni 1992-1999, dopo essere stato acquisito dalla Provincia nel 1991. Dopo interventi manutentivi urgenti eseguiti di recente per sistemare gli spazi esterni, ora necessita di interventi consistenti di manutenzione straordinaria, riqualificazione e adeguamento per migliorarne la funzionalità e di efficientamento energetico. Tutte le esigenze necessarie sono state concordate assieme agli utenti. Il fabbisogno energetico dell’edificio è molto elevato; con gli interventi indicati nel programma planivolumetrico si provvederà ad eseguire una serie di misure di efficientamento energetico. Tra il resto, sono previsti interventi di risanamento e coibentazione di tetto e facciate e di ripristino dei serramenti. L’edificio sarà allacciato alla rete di teleriscaldamento e, inoltre, si provvederà alla revisione e regolazione dell’impianto termo-sanitario, di ventilazione e del sistema di gestione degli impianti. Per ottimizzare la funzionalità del complesso, gli spazi di pertinenza della Sala Gustav Mahler saranno ampliati con la realizzazione, sul retro dell’edificio, di un deposito di circa 120 metri quadri. Le uscite di sicurezza e le porte saranno sottoposte a controlli per verificarne il funzionamento. 

Edificio storico dalle molteplici funzioni

Situato in via Dolomiti 41 a Dobbiaco, l’ex Grand Hotel Dobbiaco è un vasto complesso esteso su un’area di circa 44.000 metri quadri. Consta di edifici di tre e quattro piani, con basamento in muratura e piani superiori con sistema costruttivo a telaio in legno (Fachwerk), caratterizzato da decorazioni, erker, verande lignee e balconi. Il complesso di proprietà della Provincia, è posto sotto tutela storico-artistica. Il prestigioso edificio storico fu inaugurato nel 1878. Il Grand Hotel Dobbiaco oggi è un centro culturale di interesse provinciale grazie alla sua connotazione di luogo di incontro, per la tradizione musicale con le Settimane mahleriane e per la disponibilità di spazi per eventi rivolti ai giovani e sarà sempre più punto di riferimento per l’Euregio. Dal 2018 la Fondazione “Euregio Centro Culturale Gustav Mahler Dobbiaco Dolomiti” gestisce tutte le attività culturali ospitate presso il Grand Hotel Dobbiaco e l’auditorium con la “Sala Gustav Mahler”. Nella struttura vi è anche la Scuola di musica, una sede dell’Ufficio provinciale Parchi naturali, l’Ostello della Gioventù Kassianeum, l’Istituto per l’edilizia sociale IPES, e il Ristorante cafeteria.