Al via il “Piano Voucher famiglie”: una mossa per superare il digital divide

Tra false partenze e ritardi, decolla finalmente il “bonus internet, pc e tablet”. Giorno 9 novembre si è dato il via alle danze e, tra qualche dubbio e perplessità, i cittadini possono ora richiedere il voucher di 500 euro per sostenere le spese di attivazione di una linea fissa e l’acquisto di un dispositivo elettronico. Facciamo anzitutto un po’ di chiarezza. 

A poter richiedere il voucher sono le famiglie con un Isee inferiore a 20.000 euro e che non risultano già in possesso di una linea internet con velocità superiori o pari a 30 Mbit/s. I richiedenti devono interfacciarsi direttamente con l’operatore con cui desiderano firmare il contratto, la cui durata minima è di un anno. Attenzione: non tutti gli operatori hanno aderito all’iniziativa, infatti il sito di Infratel Italia fornisce la lista degli operatori aderenti che hanno presentato un’offerta conforme ai requisiti previsti dalla legge. 

Il sito del Ministero dello Sviluppo Economico fornisce una dashboard che monitora l’andamento delle prenotazioni e attivazioni del bonus ed inoltre, indica quanto ne rimane della somma stanziata per il progetto. I dati aggiornati al 17 novembre mostrano come già il 7,02% dei fondi siano stati prenotati. Bisogna affrettarsi, perché secondo queste prime informazioni, i 200 milioni di euro a disposizione potrebbero non coprire tutte le richieste che avanzeranno nei prossimi mesi. La dashboard fornisce anche i dati per regione: la Campania risulta l’area con più prenotazioni, la Sicilia quella con il maggior numero di attivazioni, invece in Friuli e nelle provincie autonome di Trento e Bolzano tutto tace. 

La gestione del voucher è affidata alle diverse aziende attive nel campo delle telecomunicazioni. Ad esempio, la TIM prevede una scontistica di 10 euro sul normale costo mensile della promozione “Tim Super Fibra” per 20 mesi, in più la possibilità di acquistare un Samsung Galaxy Tab S6 Lite a 29,90 euro. La WindTre propone due offerte: “Super Fibra” a 12,31 euro al mese per 12 mesi e un Samsung Galaxy Tab S6 lite a 159,90 euro, in alternativa “Super Fibra” a 7,31 euro al mese ed un Lenovo Tab M10 FHD Plus (2nd Gen) con powerbank da 10.000mAh, il cui costo è interamente coperto dal bonus. Vodafone, altro importante competitor nel settore, aderirà dopo la prima metà di novembre. 

Non è tutto oro ciò che luccica, siamo ancora in fase di assestamento. Ci sono ancora alcuni punti di domanda, uno tra tanti riguarda i tempi di attivazione: una volta firmata l’autocertificazione dove il cliente dichiara di possedere i requisiti per il voucher, i dati saranno valutati da Infratel e questo dilata necessariamente le tempistiche. Alcune promozioni sono state respinte dopo essere già state lanciate sul mercato, quindi tutto può ancora essere soggetto a cambiamenti. 

Si tratta di un incentivo che mira a venire in contro alle esigenze di realtà familiari che sono state vittime del digital divide durante la pandemia. Con l’introduzione della didattica a distanza e la necessità di lavorare da remoto, alcune famiglie si sono ritrovate ad affrontare delle spese che non potevano sostenere. Si spera dunque, che questo progetto possa dare una mano concreta a tutti coloro che, a causa di un deficit tecnologico, non hanno potuto avere nemmeno una parvenza di normalità durante questa emergenza

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*