Tamponi troppo cari? Urzì (FDI) propone un tetto massimo per i centri privati

photocredit: www.alessandrourzì.it

Stamane, il Consigliere provinciale di Fratelli d’Italia Alessandro Urzì ha annunciato di aver proposto alla Provincia Autonoma di Bolzano, di definire un prezzo fisso per i tamponi nasofaringei effettuati nei centri privati. 

Con i casi in continuo aumento infatti, sempre più persone sono state costrette a rivolgersi ai centri privati per effettuare i tamponi nasofaringei, attualmente, uno dei pochi metodi sicuri ed efficaci per tracciare la positività al virus Covid-19. 

“Il costo di un tampone per il Covid-19 nelle strutture private autorizzate ad effettuare il test è spesso esorbitante e praticamente inaccessibile a gran parte della popolazione. I prezzi chiaramente sono diversi da struttura a struttura ma comunque troppo elevati. Per rendere gli esami fruibili ad un numero più vasto di utenti, con un’interrogazione urgente, ho proposto alla Provincia di introdurre un tetto massimo al prezzo praticato nei centri privati per l’esecuzione del test, come è già stato fatto in altre regioni italiane” ha tuonato Alessandro Urzì

Per il Consigliere provinciale infatti, è evidente come le strutture private svolgano un ruolo fondamentale nel potenziamento della capacità diagnostica del territorio, alleggerendo la pressione sul sistema sanitario pubblico. 

“Più test fatti significa maggior tracciabilità dei contatti positivi e una migliore gestione della pandemia. Lo screening del prossimo fine settimana costituirà un passaggio fondamentale in questa direzione, ma l’attività di individuazione dei casi positivi dovrà proseguire anche dopo, con il maggior numero di test possibili. E in questo caso le strutture private potranno collaborare con l’ente pubblico. A patto che il costo del tampone non freni chi si vorrebbe sottoporre volontariamente all’esame. Giusto che la sanità privata tragga un guadagno dal servizio offerto, ma per poter offrire i tamponi a tutti è necessario calmiere il loro costo” ha poi concluso il Consigliere provinciale di Fratelli d’Italia